Una Regione Salento

La presa di posizione di De Cristofaro

Il Grande Salento non ha anima. Lo afferma Mario De Cristofaro, candidato sindaco di Lecce. Che ritorna sulla necessità di un’azione amministrativa che parta dal basso e rivolge un pensiero alle 101 unità impiegate nella pulizia del centro che rischiano il posto di lavoro

“Solo un voto popolare può dare la certezza di una programmazione certa, mirata e consapevole per la città”. Così Mario De Cristofaro, candidato sindaco al Comune di Lecce, sul futuro della città capoluogo. E’ necessario, secondo De Cristofaro, che si preveda una rete integrata e costante “di trasporti, servizi ma anche soprattutto una connessione costante con le imprese locali e le industrie che operano a Taranto e Brindisi, il tutto nella visione possibile e realizzabile della Regione Salento”. Sul Grande Salento invece il candidato appare decisamente scettico: “Gli altri programmi, il resto, sono solo palliativi – dice -; il Grande Salento non ha un’ anima, è tecnocratico.Si può dare anima ad un progetto di ampio respiro solo dandolo in mano alla gente, rendendo questa protagonista e compartecipe. Occorre cioè un’azione amministrativa legittimata dal basso, per questo la politica ha bisogno di sogni sennò si riduce ad un condominio in cui si può solo litigare”. Ma De Cristofaro interviene inoltre sulla grave vicenda occupazionale che vede a rischio 101 unità lavorative a causa del mancato rinnovamento del contratto tra Ecotecnica, Monteco, Aspica e Ato per la pulizia del centro urbano. “Questa città è una pattumiera – dichiara – e non pare una gran notizia. Da qui però a mettere a repentaglio il futuro di oltre cento famiglie, cui sono vicino e solidale, davvero ce ne corre”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!