Lap dance sul cellulare

Nuovo video-shock

Telefonini spenti durante le ore di lezione. Ma accesi durante la ricreazione. Ed una studentessa di liceo sceglie quel momento per farsi filmare in atteggiamenti spinti da un’amica. Poi il video corre di telefonino in telefonino

Il divieto imposto da Giuseppe Fioroni, ministro alla Pubblica istruzione, ad usare il telefono cellulare in classe durante le ore di lezione è servito a poco. Perché gli studenti se lo portano in bagno, durante la ricreazione. E lì non sono controllati. E’ accaduto di nuovo: un vero e proprio video porno girato da due studentesse nel bagno di una scuola superiore. Un bagno per disabili, per la precisione. Dove la ragazza filmata col cellulare da un’amica si serve della sbarra che tanto somiglia a quelle usate per la lap dance. E allora, via con lo streape tease. Uno straepe in piena regola. La ragazza compare prima in reggiseno e pantaloni; poi rimane a seno nudo. E si muove con atteggiamento da donna vissuta. Una ragazzata, l’ennesima. Se non fosse che, anche questa volta, il filmato passa di telefonino in telefonino. Fino a che non arriva nelle mani di un genitore, che lancia l’allarme. “La scuola deve fare di più, ma di più dobbiamo fare anche noi genitore – dice l’uomo – che non possiamo continuare ad essere solo amici per i nostri figli. Dobbiamo capire che loro hanno bisogno di guide consolo di confidenti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!