Lecce. Il baby-consiglio parla di Pirp

Il bando approda sui tavoli dell’assise dei ragazzi

Si parlerà di Pirp nel consiglio comunale dei ragazzi di Lecce, attraverso l’iniziativa “Pirp dei ragazzi. Progettiamo insieme un ritrovo che piace”. Il progetto si riferisce al quartiere Leuca-Ferrovia

Si chiama “progettazione partecipata” ed il processo avviato dall’amministrazione comunale di Lecce per accompagnare la realizzazione del Pirp, il programma integrato di riqualificazione delle periferie, che riguarda il quartiere Leuca-Ferrovia (tra via Massari, via Puccini, via dei Ferrari, via San Cesario, via Rossini, via Cimarosa, parte di via Dell’Abate, parte di viale Grassi, via Donizetti, via Bozzi e via dei Basiliani). Si tratta di una serie di interventi di riqualificazione urbanistica ed edilizia, di miglioramento delle condizioni ambientali, di adeguamento e sviluppo delle opere di urbanizzazione e delle dotazioni dei servizi pubblici e privati, di integrazione sociale e di incentivazione dell’offerta occupazionale. L’obiettivo è attivare la partecipazione attiva dei cittadini, delle istituzioni, delle organizzazioni sindacali, delle associazioni, delle aziende e delle imprese per dare vita ad un processo di programmazione partecipata. Per creare una progettazione effettivamente rispondente anche alle aspettative dei bambini e dei ragazzi, è stato previsto uno specifico segmento destinato al coinvolgimento del target giovanile attraverso l’iniziativa “Pirp dei ragazzi – Progettiamo insieme un ritrovo che piace”. Per questo gli istituti scolastici dell’area interessata oggi parteciperanno alla riunione del Consiglio comunale dei Ragazzi in programma alle ore 16 presso la sala Giunta di Palazzo Carafa, durante la quale sarà presentato il bando alla presenza degli studenti, dei genitori e dei docenti. “Il nostro obiettivo – spiega Angelo Tondo, assessore alla Pianificazione e Sviluppo del Territorio – è un coinvolgimento nella progettazione che sia totale. Per questo è opportuno partire dalle fasce più giovani della popolazione, dal momento che il bando mira a raccogliere idee e contributi per la realizzazione di uno spazio adibito a verde situato nell’area. Perché un mondo a misura di bambino è un mondo migliore per tutti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!