Il depuratore non scarichi in mare

La soddisfazione di Liaci

La conferenza dei servizi che si è tenuta ieri in Provincia ha scongiurato un danno ambientale nel territorio di Gallipoli. Il depuratore che serve i Comuni di Casarano, Matino e Parabita non può scaricare nel canale dei Samari, nel gallipolino, a meno che non rispetti determinati obblighi. Come l’ottenimento del Via ed adeguamenti per diversi milioni di euro

Pericolo scongiurato, almeno per il momento- E’ quanto è emerso dalla conferenza stampa che si è tenuta ieri in Provincia sul tema dello scarico nel canale dei Samari di Gallipoli (con conseguente divieto di balneazione per un chilometro di costa) delle acque provenienti dal depuratore che serve i Comuni di Casarano, Matino e Parabita. La Provincia ha infatti imposto delle prescrizioni assai rigide che, di fatto, rendono problematica l’attivazione del depuratore: l’ottenimento del Via (valutazione di impatto ambientale) e la necessità di provvedere ad opere ed interventi di adeguamento e di rinaturalizzazione del canale dei Samari che, in base ad una prima valutazione, ammonterebbero ad un totale di sei milioni di euro. Ed altre clausole che implicherebbero spese insostenibili per il Comune di Casarano, come per qualunque altro Comune. Emanuele Liaci, assessore all’Ambiente del Comune di Gallipoli, si è detto molto soddisfatto della posizione della provincia, “perché si sposa in pieno – ha spiegato – con le tesi del nostro esecutivo nella parte in cui subordina l’attività del depuratore all’ottenimento del Via”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!