De Cristofaro: “Invertiremo la rotta”

La necessità di ascoltare le vere esigenze di Lecce

Mario De Cristofaro, candidato sindaco di Lecce, ha incontrato oggi ingegneri ed architetti ai quali ha chiesto collaborazione per la costituzione di un’agenzia per lo sviluppo della città

“E’ indispensabile mettere la parola fine alla fiera delle vanità, all’improvvisazione ed al pressappochismo che hanno caratterizzato l’attività dell’amministrazione comunale in questi ultimi anni per puntare decisamente sulla pianificazione strategica dei bisogni reali della città”. Lo ha detto Mario De Cristofaro, candidato sindaco di Lecce, incontrando, oggi, una folta delegazione di giovani architetti ed ingegneri. “Con voi a e con altri giovani professionisti, tagliati fuori dal giro dei lucrosi incarichi pubblici elargiti ai soliti noti in cambio del silenzio sulle dissennate scelte urbanistiche attuate negli ultimi anni – ha dichiarato De Cristofaro – intendo costituire una vera agenzia per lo sviluppo della città. Essa – ha spiegato – avrà il compito di individuare e definire le vocazioni produttive e i progetti di sviluppo della città per il prossimo futuro e di aiutarmi a costruire un modello di governo del territorio fondato sulla partecipazione e la collaborazione dei cittadini, delle altre istituzioni e dei soggetti pubblici e privati da coinvolgere sin dalla fase programmatoria anche attraverso forum tematici. E’ necessario – ha concluso – invertire la lotta sin qui seguita e rispondere ai bisogni della città ripartendo dalle periferie che devono uscire dal cono d’ombra dell’isolamento e dell’emarginazione. Solo in questo modo si possono ricucire le lacerazioni e le ferite procurate al tessuto umano ed urbano della città da cementificazioni inutili, selvagge e quanto meno non controllate che hanno ignorato le vere esigenze di Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!