Poli: “La lista di An è una sola”

La precisazione di Adriana Poli Bortone

“Chi sta con le civiche è fuori dal partito di An”. Sgombra il campo dagli equivoci sulle amministrative leccesi Adriana Poli Bortone, coordinatrice regionale di An che sottolinea: “La lista di An è quella e quella resterà anche dopo le elezioni”

“A seguito delle dichiarazioni virgolettate attribuite al nostro candidato sindaco Paolo Perrone, nella mia qualità di coordinatore regionale di Alleanza Nazionale sento il dovere di precisare una volta per tutte ed inequivocabilmente che la lista di An è una e una sola: quella della quale sono capolista ed in cui sono presenti tutti gli assessori uscenti, la maggior parte degli attuali consiglieri comunali e moltissime personalità della società civile che contribuiranno a dare valore aggiunto e prestigio alla buona lista di An”. La precisazione è di Adriana Poli Bortone, coordinatrice regionale di An, che sgombra il campo dagli equivoci sull’attuale momento della campagna elettorale per le amministrative a Lecce. “Chi ha scelto di dar vita a liste civiche – puntualizza Poli Bortone – si è collocato di fatto per sua scelta fuori da An, pur essendo stato avvisato delle conseguenze anche dal presidente Fini. Nessuna confusione, dunque, è consentito creare da parte di alcuno, nemmeno, sia pure involontariamente, del candidato sindaco, le cui buone intenzioni, consentite probabilmente sul piano umano, non possono assolutamente interferire su quello politico. Sia chiaro per tutti, dunque, che An ha una sola lista, quella con il simbolo tradizionale. Quella è oggi e quella resterà anche dopo le elezioni, per il rispetto che si deve a quanti, nelle regole dello statuto e nel rispetto delle idee, hanno inteso continuare con coerenza a candidarsi col loro partito. In altri termini, a prescindere da qualsiasi risultato elettorale, chi è fuori oggi lo rimarrà per sempre. Gli elettori di An – conclude – non si faranno certo confondere le idee dalle reiterate ipocrisie di chi ha deciso di provare ancora una volta ad indebolire il partito per cinismo politico e tornaconto personale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!