Calzificio omette ricavi per 1 milione e 400mila euro

Tricase. L’ingente evasione fiscale è stata quantificata al termine di una verifica nei confronti di un’azienda del basso Salento

Tricase. I Finanzieri della Tenenza di Tricase hanno scoperto che un calzificio del basso Salento ha omesso di dichiarare ricavi per oltre 1 milione e 400mila Euro ed evaso Iva per circa 300mila Euro. L’ingente evasione fiscale è emersa al termine di una verifica nel corso della quale è stata analizzata l’attività dell’azienda dal 2008 al 2012. In particolare, è stato accertato che la società ispezionata ha omesso di presentare la dichiarazione dei redditi e dell’Iva dell’anno 2011, assumendo così la veste di “evasore totale”. Inoltre, è stato constatato che sono state effettuate consistenti vendite “in nero”. Tale circostanza è emersa anche analizzando la contabilità del magazzino, che evidenziava la giacenza di merci del valore dichiarato di circa 500.000 € che, però, non sono state rinvenute all’avvio della verifica. A conclusione dell’attività ispettiva, le Fiamme Gialle tricasine hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria i due amministratori che si sono succeduti alla guida della società per i reati di dichiarazione infedele e omessa dichiarazione. Inoltre, l’azienda verificata è stata segnalata all’Agenzia delle Entrate per l’applicazione delle sanzioni amministrative e per il recupero degli importi evasi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!