Ripartizione del Fondo piccoli Comuni. Anci dissente

Le richieste dell’associazione Comuni italiani

Solo 26 Comuni sono stati ammessi ad usufruire del contributo ordinario per l’anno 2007. 85 sono stati esclusi. Antonio Lia, coordinatore regionale: “E’ necessario un immediato intervento del governo per modificare criteri di concessione”

La Consulta dei piccoli Comuni Anci Puglia, tramite il coordinatore regionale Antonio Lia, esprime il proprio dissenso al Governo sulle modalità di ripartizione dell’incremento del contributo ordinario per l'anno 2007 a favore dei Comuni con popolazione inferiore ai 5mila abitanti (art. 1, comma 703, lettere a) e b), legge 27 dicembre 2006, n, 296’). Il Ministero dell’Interno, ha infatti pubblicato l’elenco degli enti beneficiari del fondo previsto dalla legge Finanziaria 2007 per i piccoli Comuni (http://www.finanzalocale.interno.it/varie/2007/tabreg.html). Molti comuni pugliesi, così come nel resto d’Italia, sono stati esclusi dal contributo in quanto non in linea con i parametri percentuali introdotti dal Governo (rispettivamente 5% e 30% del rapporto bambini e anziani con la popolazione al 31 dicembre 2005). L’Anci Puglia ritiene detti parametri riduttivi e per a rappresentativi della effettiva necessità di sostegno dei piccoli Comuni. Nella graduatoria pubblicata dal Ministero dell’interno, infatti, solo 26 sono quelli ammessi al contributo, ben 85 sono esclusi dal fondo. L’associazione ha pertanto chiesto al Ministero dell’interno un immediato intervento correttivo ed integrativo sui criteri di concessione del contributo, soprattutto in questa fase di approvazione dei bilanci e di pianificazione finanziaria dei Comuni, per consentire l’utilizzo del fondo anche alle municipalità più piccole che si trovano in oggettive condizioni di disagio e di carenza infrastrutturale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!