Casarano chiede i Pirp

Interventi di edilizia pubblica nelle periferie

Per la riqualificazione delle periferie urbane, il Comune di Casarano chiede idee ai cittadini. Gli interventi riguarderanno il rione “Botte”. Il programma sarà illustrato ai casaranesi domani in un incontro che si terrà presso la sala consiliare del Palazzo di Città

La giunta municipale di Casarano, con il provvedimento votato venerdì scorso, ha ufficializzato la partecipazione al bando di gara per l’accesso ai finanziamenti per la qualificazione delle periferie, più noto con l’acronimo “Pirp”. L’esecutivo cittadino, inoltre, ha individuato il rione “Botte” quale quartiere di edilizia pubblica come ambito di intervento che risponde ai requisiti richiesti dal bando. “Il Pirp – si legge in una nota di Palazzo dei Domenicani – è un’occasione di crescita dell’intera città, anche se l’intervento di riqualificazione si concentra in una zona ben definita. Per essere efficace infatti – spiega ancora la nota – deve provvedere anche al suo sviluppo sociale ed economico al quale tutta la cittadinanza ha la possibilità di contribuire. Servono le idee ed i progetti di tutti affinché il programma si possa realizzare”. Per incentivare la partecipazione dei cittadini, Palazzo dei Domenicani ha organizzato il primo di una serie di incontri con la popolazione che verterà sull’illustrazione del programma. L’incontro si terrà venerdì 2 marzo (alle ore 17:30) nella sala consiliare a Palazzo di Città, con gli interventi del sindaco Remigio Venuti; Sergio Abbruzzese, assessore all’Urbanistica; Enrico Albanese, ingegnere dell’Iacp di Lecce; Nicola Martelli, professore, dipartimento Icar del Politecnico di Bari; Annamaria Gagliardi, architetto, dell’Rtp. L’amministrazione comunale invita “i cittadini, le associazioni e gli enti a partecipare all'interessante incontro, ai quali viene chiesto un contributo di idee per l'attuazione di un progetto altamente qualificante per la città intera”. I Programmi integrati per la riqualificazione delle periferie sono finalizzati alla rigenerazione delle periferie urbane, siano esse luoghi fisicamente esterni o interni alla città consolidata, resi marginali dai processi di sviluppo insediativo contemporanei e afflitti da gravi problemi di degrado fisico, sociale ed economico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!