Parco del Negroamaro. I primi passi

Resoconto dell’incontro di oggi presso il Castromediano di Lecce

Si è tenuta oggi la prima assemblea del parco del Negroamaro. Al museo di Lecce si sono riuniti i 35 firmatari della dichiarazione di intenti di adesione al parco oltre a tre new entry: la Camera di commercio e il Gal Valle della Cupa e il Comune di Mesagne

Il parco del Negroamaro comincia a muovere i primi passi. Si è tenuta questa mattina, presso il museo Sigismondo Castromediano di Lecce, la prima assemblea dell’organismo fortemente voluto dalla Provincia di Lecce. Alla presenza di Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia e di Roberto Schiavone, consigliere delegato, si sono ritrovati i 35 firmatari della dichiarazione di intenti di adesione al parco. In apertura di lavori si è provveduto all’allargamento del parco al Comune di Mesagne, e alla sottoscrizione della dichiarazione di intenti anche da parte della Camera di Commercio di Lecce, presente con il presidente Alfredo Prete, e del Gal Valle della Cupa. L’assemblea si è impegnata in un’azione di tutela del vitigno, la cui produzione in questo momento sembra essere fortemente penalizzata. “Sono particolarmente contento e soddisfatto dell’andamento di questa prima assemblea del parco – ha dichiarato Schiavone – come sono compiaciuto per l’ingresso del Gal Valle della Cupa e di Mesagne, uno dei maggiori centri del brindisino, da sempre territorio di eccellenza per la produzione del vitigno e che, già da tempo, aveva espresso il desiderio di entrare a far parte del Parco. Registro, altresì – ha concluso -, con particolare apprezzamento la sottoscrizione da parte della Camera di Commercio, ente strategico e di fondamentale importanza per il futuro prossimo del parco”. I lavori, che hanno avviato la discussione sulla formazione del gruppo tecnico operativo, saranno aggiornati tra quindici giorni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!