Truffa con 488

Operazione della Guardia di finanza

Un’azienda tessile nel mirino dei finanzieri. Le fiamme gialle hanno, infatti, accertato illeciti nei finanziamenti pubblici agevolati (legge 488) e sequestrato beni per un valore complessivo di 2,2 milioni di euro

I militari del nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Lecce, nel corso di un più ampio contesto investigativo, tuttora in corso, hanno acquisito elementi relativi ad una illecita percezione di agevolazioni finanziarie previste dal pacchetto integrativo di agevolazioni – Pia innovazione, del Programma operativo nazionale da parte di un’azienda che opera nel settore della fabbricazione di articoli di calzetteria a maglia. Le fiamme gialle hanno dunque sottoposto a sequestro macchinari, impianti, attrezzature ed un software per la progettazione e la gestione della produzione del prodotto finito, per un valore complessivo di 2,2 milioni di euro. L’iniziativa imprenditoriale, oggetto di richiesta delle contribuzioni pubbliche, risultava essere finalizzata alla realizzazione di un programma di sviluppo precompetitivo, attraverso lo studio e la ricerca di un sistema automatizzato da impiegare nel ciclo produttivo, nonché nella realizzazione di un programma di industrializzazione ed ampliamento aziendale, concretizzatosi nell’acquisto di 20 macchinari. Nel particolare, sono state individuate evidenti incongruenze nelle caratteristiche tecniche del sistema automatizzato realizzato rispetto a quelle previste dal programma di finanziamento, i cui costi di realizzazione rappresentano la parte più cospicua della sovvenzione pubblica ricevuta, pari a 1.721.520 euro. Conseguentemente, i finanzieri hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro probatorio emesso, in via d’urgenza, da Imerio Tramis, sostituto procuratore della Repubblica di Lecce. Un responsabile è stato denunciato all’autorità giudiziaria per truffa aggravata ai danni dello Stato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!