Sangue sulle strade salentine

Spaventoso bilancio di un week end

Sette morti. Più altri feriti. Tre incidenti gravi hanno avuto corso durante il week end in Salento. Nel più grave di tutti, sono rimasti uccisi cinque giovani, bruciati vivi all’interno della propria auto

Tre incidenti stradali e sette morti. E’ questo il bilancio di una domenica di sangue sulle strade salentine. Cinque giovani di Torchiarolo hanno perso la vita nella notte dopo un violento scontro sulla Squinzano-Torchiarolo, che stavano percorrendo a bordo della Mini Cooper di proprietà di uno di loro. L’auto, probabilmente andata a finire nella corsia opposta, si è scontrata contro una Mercedes. L’autista di questa seconda auto è attualmente ricoverato presso l’ospedale di Brindisi in prognosi riservata ma secondo i medici dovrebbe cavarsela. I giovani che hanno perso la vita sono Massimiliano Geusa, Antonio Giannuzzi, Giorgio Tario, Cristian Serinelli e Marco Laterza. Alla periferia di Squinzano, invece, in un altro scontro è morta una ragazza di Sava, mentre quattro giovani sono rimasti feriti. Nel violento impatto con una Saab, una Mercedes è stata tagliata in due. Infine un cicloamatore di Carmiano è stato travolto ed ucciso sulle Lecce-Gallipoli da un’auto che aveva perso il controllo dopo lo scoppio di una gomma.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!