Bandiere blu: Puglia quinta con dieci

Roma. Assegnati i riconoscimenti del Fee. In Puglia premiate dieci località; confermate la salentine Castro, Otranto, Melendugno e Salve

ROMA – Dieci bandiere blu, ovvero il quinto posto nella classifica nazionale. La Puglia si conferma anche quest’anno tra le Regioni maggiormente dotate di spiagge pulite. Lo confermano i riconoscimenti assegnati stamattina dalla Foundation for Environmental Education (FEE) nel corso della XXVIII cerimonia di premiazione svoltasi a Roma presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. L'edizione di quest'anno ha premiato i luoghi le cui acque di balneazione sono risultate eccellenti dai risultati delle analisi effettuate dalle Arpa nel corso degli ultimi quattro anni, nell'ambito del Programma Nazionale di monitoraggio condotto dal Ministero della Salute in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente. Ma per ricevere la bandiera blu il mare cristallino non basta. Rientrano tra le voci da valutare anche l'esistenza ed il grado di funzionalità degli impianti di depurazione; la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla riduzione della produzione, alla raccolta differenziata e alla gestione dei rifiuti pericolosi; le iniziative promosse dalle Amministrazioni per una migliore vivibilità nel periodo estivo; la valorizzazione delle aree naturalistiche; la cura dell'arredo urbano e delle spiagge; la possibilità di accesso al mare per tutti i fruitori senza limitazioni. Dieci località rivierasche pugliesi hanno superato il test. Si tratta del Centro Urbano Cannafesca di Margherita di Savoia nella provincia di Bat, Polignano a Mare, Monopoli-Lido Rosso, Castello S.Stefano e Capitolo per la provincia di Bari, Fasano e Ostuni per la provincia di Brindisi, Marina di Ginosa per la provincia di Taranto. Nel Salento, le roccaforti dell’estate pulita sono quattro, tutte “storiche”: Otranto, Melendugno, Salve e Castro. Nel complesso le località rivierasche italiane considerate meritevoli del riconoscimento sono state 140; 62 gli approdi turistici; 15 i nuovi ingressi e dieci le località uscite dalla lista. La classifica nazionale è guidata dalla Liguria con 20 bandiere blu; secondo posto per la Toscana (18) e terzo per le Marche (17); 13 bandiere blu per la Campania e dieci, a pari merito con la Puglia, per l’Abruzzo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!