Nuovo look per piazza Ariosto

Previsti interventi di varia natura

Pubblicato il bando di gara per la riqualificazione della piazza leccese. Domani il progetto sarà presentato ai cittadini. Paolo Perrone, assessore ai Lavori pubblici e vicesindaco, nonché candidato alla poltrona di primo cittadino della città: “Eviteremo a qualche candidato sindaco di sentirsi come nel Kosovo bombardato”

Piazza Ariosto di Lecce si prepara a cambiare volto. E’ stato infatti pubblicato il bando di gara per i lavori di riqualificazione di piazza Ludovico Ariosto (la gara è fissata per il 27 marzo). Si tratta di un progetto (dell’importo di 80 mila euro) finalizzato al recupero di un’area pubblica destinata a verde attrezzato, attraverso la manutenzione delle aiuole (con la rimozione e sostituzione dei cordoli, da realizzarsi in “pietra di Apricena”), il potenziamento della pubblica illuminazione, l’inserimento di opere a verde e arredo urbano, la realizzazione di pavimentazione pedonale in pietrini di cemento, l’ampliamento della rete di fognatura bianca, la sistemazione delle postazioni del commercio che verranno tutte confermate. Domani, il progetto sarà presentato ufficialmente ai cittadini. “Piazza Ariosto versa in una situazione di degrado che però ha i giorni contati – ha fatto sapere Paolo Perrone, vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici – perché con questo imminente intervento siamo pronti a riqualificarla e a dare la possibilità a tutti di usufruirne in maniera più idonea. I lavori previsti – ha continuato – permetteranno il recupero capillare dell’intera zona su eccellenti standard qualitativi ed ambientali. E siccome teniamo al benessere e alla salute di tutti, il nostro obiettivo è anche quello di evitare a qualche candidato Sindaco di provare la fastidiosa sensazione di essere come nel Kosovo bombardato al passaggio dalla piazza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!