Confindustria. Lagioia guida la Comunicazione

Trenta azienda fanno parte della Sezione. Il settore è in forte crescita

E’ stato eletto venerdì scorso il consiglio della Sezione Comunicazione di Confindustria. Presidente è Giovanni Lagioia, imprenditore nel campo oleario e della comunicazione; vicepresidente, Stefano Petrucci

Giovanni Lagioia, 30 anni, imprenditore nel campo oleario e della comunicazione, è stato eletto, all’unanimità, venerdì sera, presidente della Sezione Comunicazione di Confindustria Lecce. Vicepresidente è Stefano Petrucci. In consiglio sono stati eletti Tiziana Stefanizzi, Francesco Mazzo, Fabrizio Benvenuto, Antonio Manzone, Andrea Cretì, Manlio Castronuovo, Ylenia Sambati, Giuseppe Nielli che ha avuto la delega alla Piccola Industria. Trenta le aziende iscritte alla neo costituta Sezione, voluta da Confindustria Lecce, proprio in virtù della grande rilevanza che il settore sta avendo negli ultimi anni. “La comunicazione – ha dichiarato Lagioia – rappresenta il punto di forza di ogni impresa e gli operatori del settore vanno sempre più a connotarsi come i veri protagonisti della crescita territoriale. La costituzione della Sezione Comunicazione è, inoltre, il primo passo verso un processo di aggregazione e cooperazione tra le aziende del settore, processo tanto importante quanto inevitabile per accrescere la competitività ed il confronto, soprattutto, al di fuori dei confini locali e regionali”. Soddisfazione è stata espressa da Antonio Corvino, direttore generale di Confindustria Lecce, che ha sottolineato l’importanza della costituzione della nuova Sezione. “Il mondo della comunicazione – ha detto – rappresenta uno dei protagonisti della crescita del sistema economico e produttivo della nostra provincia, che si sta caratterizzando, sempre più, come un sistema a forte capacità di produzione di valore aggiunto sul versante dei servizi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!