Perrone dagli avvocati

Continuano gli incontri di Paolo Perrone con gli Ordini professionali

Mercoledì è stata la volta dell’Ordine degli avvocati. Paolo Perrone, candidato sindaco di Lecce per la Casa delle Libertà, ha ascoltato i problemi della categoria ed ha promesso impegno sempre vivo e collaborazione

Solidarietà agli avvocati per il modo in cui il governo centrale si pone nei confronti della categoria, ovvero con interventi di “pseudoliberalizzazione che di certo non favoriscono l’inserimento nel mondo del lavoro dei professionisti più giovani”. Paolo Perrone, candidato sindaco per il centrodestra, prosegue i suoi incontri con la città. Mercoledì ha incontrato gli avvocati, cui ha chiesto suggerimenti e proposte che concorreranno a riempire di contenuti il suo programma elettorale. “L’amministrazione comunale – ha detto – non si è sottratta in questi anni alle spese della giustizia, triplicando gli spazi a disposizione della categoria con l'acquisizione dell'immobile in via Brenta. E noi auspichiamo, come è già accaduto in passato, di poter continuare un dialogo proficuo ed istituzionale con tutti gli operatori della giustizia”. Disponibilità al confronto molto apprezzata da Antonio De Giorni, presidente dell'Ordine degli avvocati, che ha rimarcato i problemi che ancora affliggono il mondo forense, tra cui le carenze logistiche: “Conosciamo e teniamo in grande considerazione – ha spiegato – la disponibilità all'ascolto di questa amministrazione sui problemi inerenti alla categoria che rappresento. Apprezziamo molto l'iniziativa del candidato Perrone, che ha voluto incontrarci dimostrando una sensibilità unica verso la categoria forense. L'augurio è che il dialogo e la collaborazione rimangano sempre vivaci e puntuali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!