Una buona azione per i trasporti

Incontro di Rotundo con le associazioni del settore

I rappresentanti delle associazioni trasporti hanno chiesto: “Coinvolgimento, ascolto e regole”. Antonio Rotundo, candidato sindaco al Comune di Lecce per l’Unione, ha risposto: “Istituiamo un tavolo permanente sulla mobilità”

“Maggiore coinvolgimento, ascolto e regole”. Hanno le idee molto chiare gli esponenti delle associazioni del settore trasporti che ieri, presso la sede dell’associazione “Una Buona Azione per Lecce”, hanno portato all’attenzione di Antonio Rotundo, candidato sindaco del capoluogo salentino per l’Unione, le numerose problematiche che li riguardano. Al centro della discussione, a cui hanno preso parte Marcello De Giorgi e Manrico Tarantino del Cna-Trasporti, Carlo Taurino della Fai, Renzo Valente della Casa, è emersa la necessità di dialogo e di coinvolgimento da parte dell’amministrazione cittadina. Da qui la richiesta di costruire un tavolo di concertazione con le associazioni del settore, le istituzioni e gli enti interessati per individuare una serie di regolamentazioni che riguardino il sistema della mobilità nella città di Lecce. Numerose sono state le questioni sollevate: la mancanza di aree di sosta per il parcheggio temporaneo dei mezzi di trasporto e carico-scarico merci; la chiusura del centro-storico e la conseguente necessità di trovare una soluzione di permessi ad ore, secondo il modello di Genova, Padova e Ravenna; il mancato rispetto da parte degli automobilisti delle zone di fuga, segnalate da strisce gialle, riservate agli autobus cittadini; la necessità di un raccordo nei collegamenti extraurbani e urbani e del conseguente strumento del biglietto unico; l’assenza di aree attrezzate per la sosta dei mezzi turistici; un’eccessiva repressione sul controllo nelle aree di parcheggio a pagamento; una poco funzionale metropolitana di superficie, limitata al centro cittadino, e dannosa dal punto di vista estetico e ambientale. Rotundo ha ribadito la legittimità delle istanze e si è impegnato a rendere costante la consultazione con le categorie istituendo un tavolo permanente sulla mobilità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!