“Termino il mio compito. Grazie a tutti”

La lettera inviata a diverse autorità locali e nazionali da Alfredo d’Arpe, capo dipartimento del Ministero dell’Economia e della Finanze e direttore provinciale dei Servizi vari del tesoro di Lecce

Giunto al termine del mandato come capo dipartimento del Ministero dell’Economia e delle Finanze di Lecce e come direttore provinciale dei Servizi vari della Provincia, Alfredo d’Arpe ringrazia chi l’ha accompagnato nel suo lavoro

Con oggi, termino il mio lungo mandato quale Capo Dipartimento del Ministero dell’Economia e delle Finanze di Leccee quale Direttore Provinciale dei Servizi Vari di questa provincia. E’ d’obbligo, quindi, ringraziare tutti coloro che hanno con me fattivamente collaborato, in questi anni, per una pubblica amministrazione sempre più trasparente, efficiente e veramente a portata del cittadino. In tale modo di perare la Direzione di Lecce si è trasformata da una sede ad una grande sede. Frequentando questa scuola di Pubblica Amministrazione si sono formati o hanno conseguito lauree prestigiose numerosi studenti, attraverso gli stages formativi previsti dalla legge Treu, organizzati con l’Università di Lecce. Le due campagne sull’euro, sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, e la mostra itinerante sulla moneta unica realizzata sulla nave “Cassiopea” hanno proiettato il Salento all’attenzione italiana ed europea. La sede è stata altresì centro di cultura e di ascolto e la qualità dei servizi resi è stata percepita con soddisfazione dagli utenti. Proficuo è stato il rapporto con la stampa e le Organizzazioni Sindacali. Assieme a queste ultime abbiamo introdotto negli orari di lavoro degli istituti contrattuali, diffusi in altre Amministrazioni e poi recepiti nei contratti nazionali. Crescere più di così in una Pubblica Amministrazione, altamente gerarchizzata, non è possibile e spesso crea un imbarazzante senso di invidia in chi non riesce a comprendere che, se pure i grandi valori ideali spesso non sono raggiungibili, ad essi, comunque, bisogna tendere. Ora i sigg. Direttori Generali mi hanno chiamato a dirigere il Dipartimento e la Direzione Provinciale dei Servizi vari di Taranto con l’interim di quella di Brindisi. Forse chi ha pensato a me per questa nuova mission spera che possa ripetersi l’esperienza leccese in quelle province al fine di ricompattare questo nostro splendido ma dimenticato Salento. Di certo è da convincersi della centralità della periferia in una lettura attenta della Costituzione Italiana. Molto spesso, invece, il centralismo organizzativo può soffocare le grandi risorse delle strutture periferiche. Grazie a tutti e scusate per quei progetti che non ho avuto modo di portare a termine, quale lo sportello itinerante dell’Amministrazione finanziaria, la dotazione delle nostre strutture di defibrillatori semiautomatici con personale preparato per detti compiti, un nuovo corso di stages nella filiera della Pubblica Amministrazione, l’estensione all’Amministrazione statale delle borse lavoro, l’introduzione del volontariato nelle pubbliche amministrazioni a forte impatto sociale. Alfredo D’Arpe Capo dipartimento del Ministero dell’Economia e della Finanze Direttore provinciale dei Servizi vari del tesoro di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!