Causo non ce l'ha fatta

Stamattina la morte clinica. Poi il cuore ha cessato di battere

Anche il cuore, che sembrava instancabile, ha ceduto. Ed Enrico Causo, primo cittadino di Racale, non ce l'ha fatta. E' morto in un letto del “Vito Fazzi” di Lecce, dopo il malore che l'aveva colto domenica. Domani i funerali

Si è spento oggi nella sua stanza presso il reparto di Neurochirurgia dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, Enrico Causo, primo cittadino di Racale e consigliere provinciale dell’Udc. Non ce l’ha fatta a reggere ancora il suo cuore, che stamattina ancora continuava a battere, mentre la morte clinica era già stata annunciata dai medici e la vita del 61enne dipendeva solo dalla macchina alla quale era collegato. Ma già si sapeva che le sue condizioni erano irrecuperabili; gli stessi medici e gli esami cui era stato sottoposto al suo arrivo in ospedale avevano emesso un verdetto difficile: aneurisma cerebrale. Impossibile da guarire, anche perché l’emorragia era troppo estesa per intervenire chirurgicamente. Si è rivelato così impietoso il malore che ha colto il primo cittadino nella prima mattina di domenica. Alle 7.30 circa, infatti, l’uomo si preparava per la consueta passeggiata in compagnia della moglie. Ed è stata lei ad accorrere per prima, dopo aver udito un tonfo nella stanza da letto. Dopo pochi minuti, Causo ha perso conoscenza e per lui non c’è stato più a da fare. Un’ambulanza del 118 l’ha condotto d’urgenza presso l’ospedale “Francesco Ferrari” di Casarano. Già qui i primi accertamenti avevano prospettato una situazione tutt’altro che semplice. In seconda mattinata è stato trasportato a Lecce. Qui l’ha tenuto in vita una macchina. E il suo cuore che sembrava non stancarsi di battere. I funerali si svolgeranno domani.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!