Il Sud nel discorso di Napolitano

Gli auguri all’Italia di Giorgio Napolitano, capo dello Stato

L’emozione del primo discorso di fine anno agli italiani. E i temi trattati nei 18 minuti in tv: tanti, dalla necessità di cooperazione in Italia e in Europa, alle vicende in Iraq, alla morte di Welby. E poi un occhio sul Mezzogiorno, per cui servono politiche incisive e coraggiose

Ha ricordato il Sud nel suo primo discorso di fine anno, Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica. Un discorso durato 18 minuti e che ha tenuto di fronte allo schermo televisivo ben 13 milioni di italiani. Il capo dello Stato ha invitato a vivere la politica più da vicino e ad impegnarsi tutti insieme per il bene comune. Ha chiesto di vedere la politica non come una guerra e usando toni non accesi, ha fatto riferimento alla guerra in Iraq, alla drammatica vicenda della morte di Piergiorgio Welby, ai rapporti dell’Italia con il resto d’Europa e del mondo. Ed ha parlato di Sud, tornando sull’argomento in tre diversi punti del suo discorso. “E’ indispensabile – ha detto – una visione unitaria e solidale: non si può fare a meno del grande potenziale rappresentato dal Mezzogiorno; occorre metterlo a frutto con politiche incisive e coraggiose”. E poi, nuovamente sul tema del lavoro, ha affermato che “non si può tollerare la minaccia e la frequenza degli infortuni cui è esposta la sicurezza, e addirittura la vita di troppi occupati, specie di chi – ha aggiunto -, italiano o immigrato, lavora in nero. Quindi – ha continuato – c’è ancora da creare lavoro per molti giovani e donne, specialmente nel Sud: lavoro alla luce del sole e pienamente riconosciuto nei suoi diritti”. In allegato, il discorso integrale di Napolitano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!