Capodanno a Gallipoli: Barba le canta a Fasano sul palco di Piero Pelù

Polemica del sindaco Vincenzo Barba prima dell'inizio del concerto

E'iniziato con una vena polemica l'evento salentino di Capodanno 2007. Sul palco di Gallipoli, prima dell'inizio del concerto rock di Piero Pelù, il sindaco Vincenzo Barba, ha risposto alle accuse lanciate poche ore prima da Flavio Fasano, capogruppo provinciale dei Ds, dagli schermi della tv gallipolina

Anno nuovo, stessa politica. Il Capodanno gallipolino si è aperto con una polemica che il sindaco Vincenzo Barba ha scelto di fare dal palco che ieri sera ha ospitato il concerto rock di Piero Pelù. Nello spazio ristretto di piazza Tellini, certamente non ideale ad ospitare la folla in arrivo per l'evento salentino del Capodanno 2007, il sindaco gallipolino ha lanciato accuse contro il suo avversario politico Flavio Fasano, che dagli schermi di un'emittente televisiva gallipolina – definita “di infimo livello qualitativo” dallo stesso Barba – aveva criticato il lavoro svolto dall'attuale amministrazione, senza risparmiare attacchi diretti al Sindaco in questione. “Nei prossimi giorni risponderò in una sede più adeguata alle accuse ingiustificate lanciatemi da quella persona attraverso lo schermo di una scarsa emittente televisiva di Gallipoli” ha detto Barba, rivolgendosi alla folla e all'ex sindaco gallipolino Flavio Fasano, di cui non ha fatto direttamente il nome (così come non ha voluto citare l'emittente tv). Tra fischi ed applausi ha poi lasciato il palco alla musica di Piero Pelù che ha fatto saltare i presenti fino a mezzanotte, coinvolgendo Gallipoli anche sulle note della versione rock di “Santu Paulu”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!