Caputo si fa in tre. Milioni

Corsa contro il tempo da parte dell’amministrazione comunale di Casarano per finanziare le opere pubbliche in agenda. Caputo: “Perché aspettare gennaio? Chi ha tempo non aspetti tempo”

Straordinari per tecnici ed amministratori di palazzo dei Domenicani. Per evitare la scure dei divieti imposti dalla legge, tra i quali quello di accendere mutui nel 2007, hanno lavorato serratamene per garantire il finanziamento di otto progetti per un totale di tre milioni di euro in opere pubbliche

Corsa contro il tempo per finanziare alcune importanti opere pubbliche. La giunta municipale ha deciso di richiedere i mutui necessari per il finanziamento di otto progetti definitivi per un ammontare di circa 3 milioni di euro. In pochi giorni, tecnici ed amministratori di Palazzo dei Domenicani, per evitare la scure dei divieti imposti dalla legge, tra i quali il divieto di accendere mutui nel 2007, sono stati costretti agli straordinari per garantirsi il finanziamento entro la fine dell’anno. Sono gli effetti del mancato rispetto del “Patto di Stabilità” sul bilancio di previsione 2006, certificato dalla Corte dei Conti nel novembre scorso. I progetti sono tutti importanti e avranno effetti su migliaia di cittadini. Si parte con la fruizione delle edicole della via Crucis della Madonna della Campana (il finanziamento richiesto è di € 107.900), uno dei luoghi più suggestivi e più cari ai casaranesi; le edicole sono in tufo e mostrano da anni i segni del tempo e dell’incuria. Tra i progetti ci sono anche quelli che interessano interi quartieri della città: “Realizzazione di alcune opere di urbanizzazione primaria in contrada Saraceni” (€ 470.000) e i “Lavori di completamento della pavimentazione dei marciapiedi di contrada Scalella, contrada Botte ed alcune strade urbane” (€ 130.000). Le deliberazioni dei giorni scorsi riguardano anche l’approvazione di progetti di sistemazione di strade comunali extraurbane (€ 377.000) e di alcune strade interne comunali (€ 930.000, il finanziamento più consistente); un’altra ancora approva il progetto definitivo della “Rete idrica e fognatura nera – Potenziamento rete cittadina” (€ 535.000). Per attuare il “Piano Sociale di Zona”, l’amministrazione comunale chiederà un mutuo per la ristrutturazione dell’edificio di via Tagliamento, già utilizzato in passato per finalità sociali (€ 250.000). Infine, tra i progetti approvati c’è anche quello relativo ai lavori di completamento dell’impianto di climatizzazione degli uffici giudiziari (€ 90.000). Si diceva che Palazzo dei Domenicani ha fatto una corsa contro il tempo e la prova è che tutti gli otto progetti sono stati redatti e predisposti tra il 1° e il 12 dicembre, firmati quasi tutti dall’arch. Francesco Longo, responsabile del Settore Lavori Pubblici. L’esecutivo cittadino ammette che qualche problema esiste. “Non vogliamo correre rischi – afferma Gabriele Caputo, assessore al Bilancio – è chiaro che un’accelerazione da parte nostra c’è stata. Diciamo che invece di aspettare il mese di gennaio, abbiamo deciso di anticipare le richieste a dicembre”. Un periodo sicuramente breve, ma che cade su due anni finanziari differenti. Il timore di avere per un intero anno le mani legate sulle finanze è palese, anche se Caputo rivela che la nuova Finanziaria potrebbe dare una mano ai comuni in situazioni simili a quello di Casarano. “Devo ancora verificare – dice il vice sindaco – ma pare che ci sia un emendamento che esclude il vincolo della contrazione dei mutui dal Patto di Stabilità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!