Area Sistema. Sito internet ko

Black out degli atti amministrativi. Meglio il vecchio Albo Pretorio

Nonostante le ripetute segnalazioni degli utenti, il sito internet dei Comuni del consorzio “Area Sistema” resta inaccessibile all’utenza. Ma questo non è l’unico problema del sito, che non viene aggiornato in tempo e non contiene tutti i documenti necessari

Il sito internet dei Comuni riuniti nel consorzio “Area Sistema di Casarano e dei Comuni associati” (www.areasistema.it) da diversi giorni non è più accessibile all’utenza. Nonostante le continue segnalazioni ai tecnici del consorzio, a ancora è stato fatto per riavviare il sito e fino allo scorso sabato il sistema restituiva ancora una pagina di irreperibilità del portale. Anzi, sembra che gli stessi tecnici avessero tranquillizzato l’utenza che il server non presentasse problemi e che quindi il servizio fosse accessibile. L’inattività del portale non è un problema da poco perché provoca sostanzialmente il black-out degli atti amministrativi prodotti dagli enti locali consorziati (delibere di giunta e di consiglio comunale) e dell’informazione e dei servizi per le imprese. In particolare, il Comune di Casarano lo ha sfruttato più di tutti gli altri enti locali associati e lo ha sempre presentato come lo strumento che attua la materiale trasparenza degli atti amministrativi. Nemmeno l’interrogazione delle delibere attraverso il sito istituzionale di Palazzo dei Domenicani (www.comune.casarano.le.it) è possibile, considerato che si accede allo stesso server attraverso un collegamento. Anche in questo caso, il sistema restituisce una pagina di irreperibilità. E’ l’ennesimo disservizio reso dal portale di “Area Sistema” che avrebbe bisogno, a questo punto, di una profonda messa a punto e non solo di facciata. Gli utenti, infatti, hanno segnalato più volte che spesso gli allegati alle delibere di giunta non sono a disposizione (il messaggio “per l’allegato rivolgersi in segreteria” obbliga l’utente a recarsi in Municipio), mentre le determine dei vari responsabili degli uffici comunali non sono mai state pubblicate. L’aggiornamento, inoltre, viene effettuato solo dopo diversi giorni. A queste condizioni, tanto vale tornare all’antico e fare un salto in Municipio per dare un’occhiata al caro, vecchio Albo Pretorio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!