Se il presepe è un’opera d’arte

L’appuntamento fisso con il presepe. Da qualche anno i casaranesi non possono farne a meno

Una passione che dura un anno intero. E così nasce il presepe di via Pendino a Casarano. Realizzato dalle abili mani degli artigiani Luigi Nuzzo, Paolo Cirfiera e Cosimo De Cesario. Visitabile fino al 7 gennaio. Ed il ricavato va in beneficenza

La decisione di grandi aziende commerciali di non vendere presepi o i suoi personaggi non ha scalfito una delle tradizioni più sentite nei nostri paesi. Sono tanti, infatti, gli appassionati salentini che costruiscono il loro presepe nelle case, lavorando anche per diverse settimane al fine di ottenere un allestimento decoroso. Spesso sono vere e proprie opere d’arte che vengono ammirate solo dai parenti e dagli amici dell’autore. Alcuni anni fa, tre appassionati di Casarano, Luigi Nuzzo, Paolo Cirfiera e Cosimo De Cesario, decisero di uscire dalle mura delle proprie case e di allestire un presepe in un luogo pubblico. Da quel momento la loro opera è diventata un appuntamento immancabile nel cartellone delle iniziative natalizie casaranesi, visitato da migliaia di cittadini. Il grande presepe artistico dei tre artigiani è stato allestito in via Pendino 22, in un antico e bellissimo frantoio ipogeo di proprietà della famiglia De Filippo. I personaggi sono in cartapesta, azionati da meccanismi gestiti da un computer; l’impianto luci è molto suggestivo; il sonoro non trascura i particolari (sono stati riprodotti persino i versi degli animali rappresentati); mentre i meandri grezzi del frantoio ipogeo danno all’insieme un’atmosfera magica. “Ci abbiamo messo un anno per realizzare questo presepe – racconta Nuzzo – per il movimento dei personaggi abbiamo riciclato motorini di vecchie lavatrici o di cucine, gestite da un microprocessore”. La Natività di via Pendino è stata inaugurata mercoledì scorso e rimarrà aperta fino al 7 gennaio. Le offerte raccolte saranno devolute in beneficenza. Come gli altri anni, i tre artigiani hanno individuato una famiglia di Casarano in precarie condizioni economiche, alla quale andranno le offerte raccolte. Il presepe può essere visitato dalle ore 15 alle 21 (info: 333-1470088).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!