I bozzetti, in parole, di Sebastiano Cataldo

Il primo libro di Cataldo, che cura anche le illustrazioni. Prefazione di Rocco Cataldi

Il Tacco consiglia i “Bozzetti in parole” di Sebastiano Cataldo, autore parabitano. Sensazioni e riflessioni di vita, raccolte in 35 poesie in lingua italiana e 15 in dialetto

“L’autore non ha la pretesa di aver composto un’opera letteraria, ma di avere espresso, attraverso la ricerca della forma poetica, sensazioni e riflessioni che riguardano una parte importante della propria vita”. Con questa professione di modestia, si apre “Bozzetti in parole”, di Sebastiano Cataldo, una raccolta di 35 poesie in lingua italiana e 15 in dialetto parabitano, edita dal Laboratorio di Aldo D’Antico. L’autore è un insegnate di educazione artistica che si cimenta per la prima volta con un libro vero e proprio di poesie dopo aver pubblicato suoi versi in sparuti ambiti locali. Questo libro fa parte della collana “Tracce” ed è la seconda uscita dopo “Artigiani e artigianato nella Parabita di una volta” di Gaetano Leopizzi. Anche se poesia semplice e diretta, non si tratta di mero spontaneismo ma di meditata e a volte accorata riflessione sulla vita, sulla propria terra e le sue bellezze artistiche e paesaggistiche, sui propri affetti e valori portanti. La prefazione del libro è curata da Rocco Cataldi, indimenticabile ed indimenticato poeta vernacolare parabitano, scomparso poco tempo fa, unito da vincolo di amicizia all’autore, del quale è stato insegnante elementare. Le illustrazioni del libro sono curate dallo stesso Cataldo, affermato pittore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!