13 dicembre, Santa Lucia

La Santa siracusana venerata anche in Salento

Taviano festeggia Santa Lucia nelle giornate del 12 e del 13 dicembre. Con spettacoli musicali e una processione solenne per le vie della città

Due giorni di festa a Taviano, in onore di Santa Lucia, protettrice della vista, quindi della luce. E dei marinai. I festeggiamenti prevedono nella giornata di martedì 12 dicembre lo spettacolo musicale del gruppo Tammurria; per mercoledì 13, che è il giorno vero e proprio della santa, è invece prevista una solenne processione per le vie del paese (con inizio alle ore 16), sulle musiche della banda della città di Taviano; a conclusione della processione, uno spettacolo di fuoco di artificio. Santa Lucia nacque a Siracusa, ma non si sa con certezza in quale data. La sua vita, d'altra parte, è intessuta di elementi leggendari. Subì il martirio sotto Diocleziano, per cui si è voluto fissare la data di nascita al 283. Il più antico documento che la riguarda è un'iscrizione del V secolo in cui si parla di una certa Euskia, morta il giorno “della mia patrona Lucia”. La giovane apparteneva a una ricca famiglia siracusana, promessa sposa a un pagano. Per una malattia della madre compì un viaggio a Catania, per visitare il sepolcro di S. Agata, sul quale pronunciò il voto di conservare la verginità. Distribuì perciò i beni ai poveri e rinunciò al matrimonio. Arrestata su denuncia del fidanzato, fu sottoposta a diverse torture: condotta in un lupanare, trascinata da una coppia di buoi, cosparsa di pece bollente, posta sulla brace ardente. Per sfuggire al carnefice si strappò gli occhi. Solo dopo questi tormenti cadde sfinita e morì. Le sue ossa non si trovano a Siracusa perchè, trafugate dai bizantini, furono portate a Costantinopoli, da dove furono saccheggiate dai veneziani. L'iconografia risente fortemente dell'episodio dello strappo volontario degli occhi in quanto la santa è raffigurata con una tazza in mano su cui sono posti gli occhi. Altri attributi possono essere una spada oppure una tazza da cui esce una fiamma.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!