“La Regione non rispetta le istituzioni”

Ieri la riunione a Bari per concertare Finanziaria e bilancio

Dura protesta di Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce e vicepresidente Anci, nei confronti di Nichi Vendola, presidente della regione. Il bilancio regionale, secondo il primo cittadino leccese, va concertato da tutte le istituzioni insieme

E’ dura la protesta di Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, contro l’atteggiamento della Regione Puglia, che solo ieri ha convocato una riunione con Anci Puglia e quindi con i sindaci dei Comuni pugliesi per un momento di concertazione sulla Finanziaria regionale. “Con la discussione sul Bilancio e sulla Finanziaria già avviate, Vendola ci convoca – ha dichiarato Poli Bortone – per porre riparo a questioni di carattere sostanziale nel rapporto tra Regione e territorio. Da vice presidente Anci porterò il problema in sede nazionale perché non può essere tollerato il mancato rispetto delle istituzioni territoriali. Vendola non può pensare che le convocazioni degli enti siano a sanatoria, perché noi vogliamo partecipare con lealtà ad un processo di programmazione, su cui siamo pronti ad assumerci per tempo le nostre responsabilità. E non si può pensare di imporre nuove tasse ai cittadini – ha continuato – per mantenere in piedi una maggioranza che si sta sgretolando. Gli enti locali non hanno partecipato a nessuna fase della redazione del Bilancio regionale, né mai è stata convocata la Conferenza Regione-Città. Sempre più sono convinta che insieme a Forza Italia e al coordinatore regionale Fitto dovremmo portare la gente pugliese in piazza contro l’arroganza di una Sinistra comunista che pensa di irreggimentare i cittadini e le istituzioni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!