Undici in una

Casarano ci riprova

Le undici associazioni di strada nate a Casarano dal 2002 si riuniscono in un’unica grande e nuova associazione, la “Associazione dei Commercianti di Casarano”. Un’associazione delle associazioni, presieduta da Antonio Fabbiano

Una nuova associazione di commercianti si è costituita nei giorni scorsi in città. Si chiama “Associazione dei Commercianti di Casarano” e riassume al suo interno le undici associazioni di strada create dal 2002, alle quali aderiscono più di cento imprese commerciali, artigiane e dei servizi. Si tratta, in sostanza, dell’associazione delle associazioni. L’annuncio è stato dato ieri dallo stesso sodalizio con un comunicato stampa. Il presidente del nuovo soggetto sociale è Antonio Fabbiano, commercialista, consulente delle stesse associazioni di strada. E’ il terzo tentativo, nell’ultimo decennio, di istituire un’associazione unitaria ed indipendente degli operatori del settore. I precedenti non sono andati a buon fine. Gli obiettivi del nuovo sodalizio sono stati sinteticamente resi noti nella nota diffusa ieri. L’ultima unione degli esercenti costituisce “il naturale proseguimento di un progressivo processo di aggregazione iniziato nel 2002, che ha visto nascere ben 11 associazioni di strada, con l’adesione di oltre cento imprese commerciali, artigiane e di servizi. Oggi – prosegue la nota – l’Associazione Commercianti di Casarano rappresenta il punto di arrivo di tale processo ma, al tempo stesso, anche il punto di partenza verso nuovi, ambiziosi obiettivi. La nuova associazione di categoria – spiega ancora il comunicato stampa – punta ad affrontare, insieme agli attori del territorio, le problematiche del commercio di Casarano attraverso una azione propositiva che consenta di individuare le possibili soluzioni alle tante questioni ancora aperte. Questa rinnovata unità d’azione tra gli operatori economici casaranesi – conclude la nota – come testimonia la nascita dell’associazione commercianti, e la ferma volontà di ricercare, anche attraverso il dialogo con le istituzioni, le via d’uscita alla crisi del settore, potranno gettare le basi per un auspicato rilancio economico e sociale della nostra città”. La novità è stata accolta in termini positivi da Palazzo dei Domenicani. “Per noi – commenta Remigio Venuti, sindaco di Casarano – è molto importante che i cittadini si organizzino in forme di rappresentanza ed esprimano le loro esigenze e i loro punti di vista. E’ un concetto che ribadiamo spesso – prosegue il sindaco – perché, nel prendere decisioni, è necessario il confronto con le categorie, fermo restando che le decisioni si prendono a favore della totalità dei cittadini”. Anche Rocco Rizzello, assessore al Commercio, ha commentato favorevolmente la nascita dell’associazione e sottolineato che per l’amministrazione comunale “è importante, nel fare scelte politiche, il confronto con associazioni forti e autorevoli”. Le undici associazioni di strada che si sono unite in un unico soggetto sociale sono: “Piazza Diaz” e “Via Roma”, le prime nate nel 2002; “Piazza Martiri Ungheresi”, “Via Dante”, “Piazza San Domenico”, “Corso XX Settembre”, “Palazzo Ieca”, “Piazza Garibaldi”, “Via Matino” e “Via Carlo Magno”, create nel luglio dell’anno scorso; e “Quartiere Stazione” costituita solo due mesi fa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!