Anche Lecce a Nairobi

L’assessore Calò in avanscoperta. A gennaio lo segue il Comitato

World Social Forum 2007. Il Salento si prepara con un Comitato a prendere parte all’edizione 2007 del Forum mondiale. Che, quest’anno, si svolgerà, per la prima volta, in una città africana

Il Salento si organizza per partecipare al World Social Forum che per la prima volta si svolgerà in una città africana, Nairobi, dal 20 al 25 gennaio 2007. Su iniziativa della Provincia di Lecce, membro di presidenza del Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace, si è costituito un comitato provinciale formato da Comuni, associazioni, sindacati, oltre che dall’Acquedotto Pugliese e dell’Autorità di Gestione dell’Ambito Territoriale Ottimale delle risorse idriche. Il Comitato è coordinato da Luigi Calò, assessore provinciale alla Promozione della Cultura della Pace, Antonio Lia in rappresentanza dell’Ato, Cosimo Valzano, sindaco di Trepuzzi in rappresentanza dei Comuni salentini, Pietro Fumarola per l’Università degli Studi di Lecce, Tommaso Fracasso, vice presidente dell’ Arci provinciale, Antonietta Pignataro, responsabile dell’associazione Huipalas, in rappresentanza delle associazioni e da William Onino a nome della comunità keniota residente nel Salento. L’obiettivo del Comitato è quello di organizzare sul territorio salentino una serie di iniziative tese a promuovere la consapevolezza sociale delle questioni globali che riguardano il presente e il futuro dei cittadini del pianeta e la partecipazione al Social Forum mondiale, in particolare di giovani, di immigrati di origine africana e di rappresentanti delle istituzioni locali. Più in concreto la Provincia di Lecce, a seguito del recente viaggio dell’assessore Calò a Nairobi, dove ha incontrato il sindaco della città e il coordinatore del Kenya Social Forum, è in grado di mettere a disposizione di chi vorrà partecipare al World Social Forum di gennaio una struttura capace di ospitare oltre 300 persone e garantire per i partecipanti un servizio navetta, una colazione e una cena al giorno.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!