200mila euro per emergere

Accordo tra Marco Barbieri, assessore regionale al Lavoro, ed Ettore Bambi, presidente della Commissione provinciale per l’emersione

Questione di primati. Lecce è la prima provincia pugliese ad aver sottoscritto una convenzione con la Regione per contrastare il lavoro sommerso

La Provincia di Lecce è la prima provincia in Puglia ad aver sottoscritto una convenzione con la Regione per la realizzazione di un programma specifico di contrasto al lavoro sommerso. L’atto di intesa è stato firmato venerdì 24 novembre tra Marco Barbieri, assessore regionale al Lavoro ed Ettore Bambi, presidente della Commissione provinciale per l’emersione. La convenzione prevede che la Commissione realizzi e porti a compimento entro la prima metà del 2007 un programma specifico di attività, coerente con gli indirizzi strategici e con la recente legge di cui la Puglia si è dotata per arginare il grave fenomeno. I finanziamenti, pari a 200mila euro, rinvengono da fondi del C.i.p.e. che erano rimasti inutilizzati nella scorsa legislatura. Il “primato” che spetta alla Commissione provinciale di Lecce deriva dall’aver compiutamente realizzato tutte le attività programmate nell’ultimo triennio e dall’essersi dotata, già dal mese di maggio di quest’anno, di un programma di lavoro condiviso ed approvato da tutte le parti sociali e le associazioni di categoria presenti in Commissione. Tale programma punta a definire un Piano di sistema locale per l’emersione, esattamente quanto richiesto dalla legge finanziaria in questo momento in discussione al Parlamento, in virtù del quale vengano elaborate specifiche proposte sia sul versante dei benefici per le aziende che emergono (bonus, agevolazioni, etc), sia sul versante della qualificazione della manodopera coinvolta e ancora la messa a disposizione di servizi di accompagnamento, tutoraggio e consolidamento dei processi di emersione, con eventuale impiego di fondi del P.o.r.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!