Regione e Province programmano il 2007-2013

Pellegrino appoggiato dagli altri presidenti di Provincia pugliesi

Programmazione dei fondi strutturali 2007-2013. L’Upi regionale ha approvato ieri il documento elaborato dalla Provincia di Lecce sulla cooperazione Regione-Province

Rapporti tra Regione Puglia e Province per i fondi strutturali 2007-2013: le proposte di Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, sono state condivise dalle altre quattro Province pugliesi. “La Cooperazione possibile tra Regione Puglia e Province per la programmazione dei fondi strutturali 2007-2013” è infatti il documento, proposto dalla Provincia di Lecce, approvato ieri dal Comitato Direttivo dell’Unione Regionale delle Province Pugliesi, composto dai cinque presidenti delle Province e riunitosi presso la Provincia di Bari. Si tratta di un articolato documento che parte dallo scenario nazionale e le sue possibili evoluzioni, analizza l’attuale situazione pugliese e opera approfondite riflessioni su “La governance”, le “Aree vaste”, i “Piani di settore” e la “Distrettualità funzionale”. Ma soprattutto contiene la richiesta alla Regione di riconoscere alle Province un’adeguata funzione negli interventi di sviluppo locale attinenti l’area vasta. “Coerentemente con i principi di sussidiarietà, di cooperazione ed integrazione – ha spiegato Giovanni Pellegrino – la proposta delle Province è finalizzata a rendere più efficace la programmazione delle risorse comunitarie in relazione all’individuazione delle funzioni di coordinamento, animazione e gestione degli interventi di sviluppo in capo alle Province e alle municipalità. Le Province – ha continuato – in quanto dotate di rilevante capacità gestionale, finanziaria e tecnica, nell’ambito dell’area vasta, possono esercitare un importante ruolo nella razionalizzazione delle scelte, garantendo una efficace cooperazione interistituzionale nel rapporto con la Regione e le municipalità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!