Rotundo: “Grande Lecce, con il Polo Umanistico”

Rotundo commenta l'incontro in rettorato

Giurisprudenza a Monteroni, lo Stamms ad Arnesano, ma in strutture realizzate ex novo. Il campus umanistico, dietro la Manifattura Tabacchi. Antonio Rotundo esprime la sua soddisfazione dopo l’incontro che ha deciso le sorti del Polo Umanistico universitario, coinvolgendo i Comuni limitrofi a Lecce

“Il risultato raggiunto dalla riunione convocata dal rettore sulla questione Polo Umanistico è una risposta positiva all’evoluzione del recente dibattito sul tema”. Con queste parole Antonio Rotundo, candidato Ds alla poltrona di sindaco di Lecce, commenta l’incontro svoltosi nel rettorato dell’Università di Lecce sul tema Polo Umanistico, conclusosi con la decisione di mantenere la facoltà di Giurisprudenza a Monteroni e lo Stamms ad Arnesano, ma in strutture realizzate ad hoc. “Un esito favorevole – dice Rotundo – che ora consente il coinvolgimento di tutti i Comuni dell’interland del capoluogo nel percorso di costruzione di una programmazione dello sviluppo universitario nella logica della Grande Lecce, e che non metterà, quindi, le municipalità l’una contro l’altra, ma valorizzerà lo sforzo unitario di chi sta guardando alla crescita dell’area vasta, e non tanto ad angusti e particolaristici interessi. Con l’intesa raggiunta – continua l’esponente diessino –, che elimina anche il pericoloso contenzioso amministrativo tra i diversi enti, si può infatti ipotizzare per il prossimo futuro uno sviluppo delle strutture universitarie dislocate in maniera equilibrata in tutto il territorio, per una loro maggiore e più efficiente fruizione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!