Le origini dell’Università in mostra

Fotografie, immagini e documenti per ricostruire la “Ricerca nella libertà”

La passione con cui lo studente di oggi affronta l’impegno universitario è lo stesso degli studenti fondatori dell’Università. Lo spiega una mostra al Buon Pastore di Lecce

E’ stata presentata ieri presso l’istituto Buon Pastore di Lecce la mostra “Ricerca nella libertà”, che ripercorre attraverso fotografie, immagini e documenti la storia e le origini dell’Università. All’incontro di presentazione hanno preso parte Oronzo Limone, rettore dell’Università di Lecce, e Costantino Esposito, ordinario di Storia della Filosofia all’Università di Bari. La mostra, organizzata dall’associazione Obiettivo Studenti, rimarrà aperta al pubblico (ingresso libero) fino a sabato 18 novembre dalle ore 9 alle ore 19. Per prenotazioni di visite guidate di gruppi e scolaresche è possibile telefonare al numero 3207580481.

Il confronto con l’esperienza dei giovani del Medioevo, tesi a voler comprendere tutta la realtà al punto da percorrere l’Europa in lungo e in largo alla ricerca di maestri, ha indotto Obiettivo Studenti a proporre pubblicamente la mostra “Ricerca nella libertà” come possibilità per riflettere sulla vita universitaria e sul compito al quale essa chiama. “Lo studente che intraprende oggi gli studi universitari – spiegano gli organizzatori della mostra – sente lo stesso bisogno di studiare dei ragazzi che hanno fondato l’Università, creazione tipica della cultura occidentale: una passione ed un interesse per la propria vita che, nello studio, diventa un’opportunità potente di conoscere la verità delle cose e quindi di affrontare la realtà da protagonisti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!