Casarano pensa in prosa

Presentati ieri gli appuntamenti con il teatro

Un calendario di qualità e una riduzione del prezzo dell’abbonamento. Così l’amministrazione di Casarano cerca di portare a teatro quanti più giovani possibile

Palazzo dei Domenicani ha presentato ieri “Pensiamo in prosa”, la rassegna teatrale 2006-07 organizzata in collaborazione con il “Teatro Pubblico Pugliese” che si terrà presso il Teatro Fondazione Filograna. Il cartellone è costituito da sette spettacoli ed avrà il filo conduttore del teatro di narrazione intervallato dalla musica. La mission dell’amministrazione comunale, oltre a far crescere culturalmente l’intera città, è quella di portare più giovani alla rassegna, grazie anche a speciali abbonamenti. “Per vedere l’intero cartellone – ha affermato Claudio Pedone, assessore alla Cultura – un giovane spenderà quanto una serata in pizzeria”. “Pensiamo in prosa” parte alla grande con “due botti natalizi” (espressione dell’assessore alla Cultura) nell’arco di una settimana. Il 13 dicembre è in programma ”Il signor Novecento”, un racconto musicale interpretato da Lello Arena e Norma Martelli, scritto da Vincenzo Cerami (versi) e Nicola Piovani (musica), quest’ultimo premio Oscar per le musiche del film “La vita è bella” di Roberto Benigni. Il 18 dicembre ancora grande teatro con un altro “mostro sacro” della commedia napoletana: Carlo Giuffrè, che interpreta “Il medico dei pazzi”, una delle opere più note di Eduardo Scarpetta. Il cartellone proporrà poi “Miracoli e canzoni” (19 gennaio 2007), un concerto teatrale interpretato da Alessandro Haber e Rocco Papaleo, due tra gli attori più amati dal pubblico italiano; “Le intellettuali” di Moliere con Arturo Cirillo (30 gennaio 2007); “H2O” di Michele Santeramo (16 febbraio 2007); “Kavannah” dell’artista ebreo Moni Ovadia (3 marzo 2007), che torna a Casarano dopo tre anni; infine, il 22 marzo, la “Banda Osiris” presenterà lo spettacolo musicale “Banda 25”. Rispetto alla scorsa edizione, ci sono due spettacoli in meno, ma è stata una scelta dell’amministrazione comunale “per incentivare la partecipazione dei giovani”, ha spiegato l’assessore. “I prezzi degli abbonamenti sono si sono abbassati – prosegue Pedone – e ci sarà un abbonamento speciale per i minori di 25 anni al costo di una pizza, una birra e un caffè in un ristorante”. La tessera riservata ai giovani, valevole per tutti gli spettacoli, nel secondo settore costa 25 euro; per i primi posti, l’abbonamento costa invece 39 euro. Le tessere ordinarie vanno invece da 65 euro (secondo settore) a 80 euro (primo settore), mentre i prezzi degli abbonamenti ridotti, riservati alle categorie speciali (disabili; anziani ultra 65enni), vanno da 40 euro a 65 euro. La campagna abbonamenti inizierà lunedì prossimo. Le tessere potranno essere richieste presso il Centro Informagiovani (dal lunedì al sabato, dalle ore 10 alle 13 e dalle 17 alle 20). I vecchi abbonati avranno il diritto di prelazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!