Piazza Diaz, si può parcheggiare

Ripristinati i parcheggi in piazza Diaz a Casarano. I commercianti cantano vittoria

Grazie ad un’ordinanza firmata nei giorni scorsi da Anselmo Antonaci, responsabile ufficio viabilità del comune di Casarano, che ana di fatto provvedimento precedente, ora si può sostare in piazza Armando Diaz, piazza principale del comune salentino

Palazzo dei Domenicani, a sorpresa, ripristina il parcheggio dei veicoli in piazza Diaz. Un’ordinanza firmata mercoledì scorso dal responsabile dell’ufficio viabilità, Anselmo Antonaci, sospende gli effetti di un precedente provvedimento ed autorizza gli automobilisti a sostare nella piazza centrale della città. Le norme del provvedimento, però, prevedono la sosta soltanto sul lato destro della piazza, se la si percorre dalla Torre dell’orologio all’obelisco di San Giovanni Elemosiniere. Il parcheggio, inoltre, sarà a spina di pesce e con tariffa oraria. I commercianti del centro, che da tempo lottano per questa soluzione, cantano vittoria, ma il provvedimento rimarrà in vigore per un periodo abbastanza breve, fino al 15 gennaio 2007, limitato quindi al periodo natalizio e ai primi giorni dei saldi invernali. Il sindaco, Remigio Venuti, ribadisce che “l’obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di creare un’isola pedonale in piazza Diaz” e spiega che il provvedimento è stato dettato da motivi di opportunità. “Stanno per iniziare i lavori per il parcheggio nell’ex Arena Moderna – chiarisce Venuti – e diversi parcheggi, per un certo periodo, non ci saranno più. Per questo abbiamo ritenuto di ripristinare il parcheggio su un solo lato della piazza, limitatamente al periodo natalizio”. Cade, quindi, l’ipotesi di piazza Diaz con una doppia funzione: da un lato isola pedonale; dall’altro libera circolazione delle auto. L’amministrazione civica, intanto, ha incaricato la “Cooperativa Solidarietà”, che gestisce il servizio di parcheggio a pagamento, di ripristinare la strisce blu adesive sui basoli della piazza, ma anche nelle altre aree di sua competenza. Il consiglio di amministrazione della cooperativa ha inoltre deciso di revisionare il sistema delle seconde ore “che saranno irrogate – spiega una nota della cooperativa – in maniera puntuale e rigida una volta superato il limite della prima frazione, al fine di evitare lunghe soste nei parcheggi e facilitarne la viabilità”. Il dott. Luciano Pino, presidente della cooperativa, ha denunciato aggressioni verbali nei confronti di alcuni ausiliari, che sono stati oggetto di minacce anche fisiche, che non saranno più tollerati. “D’ora in poi – ha rivelato il dott. Pino – segnaleremo alle autorità competenti questi soggetti al fine di prevenire spiacevoli conseguenze. Per fortuna – conclude il presidente – sono in pochi che ancora non hanno capito che i soci-ausiliari (attualmente 11) offrono un servizio alla città e che da questo ne scaturisce il loro sostentamento economico e aziendale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!