Il prof a portata di mouse

Alunni e docenti si parlano per web cam

Basta un click e il prof arriva in soccorso dello studente in difficoltà. Ma attraverso lo schermo di un pc. Comodamente da casa (o scuola). E ad orari prestabiliti. All'istituto Costa di Lecce si può

L’Istituto Tecnico Commerciale “Costa” di Lecce ne ha realizzata un’altra delle sue. Si tratta della possibilità e la disponibilità dei docenti della scuola ad interagire coi propri alunni anche nelle ore pomeridiane, direttamente da casa, senza spostarsi di un metro. L’idea della realizzazione del progetto è di Mario Mazzotta, docente di informatica che ha pensato di sfruttare la semplicità e la facilità d’uso di internet, della webcam e dei nuovi sistemi di comunicazione via rete per offrire un servizio innovativo agli alunni della scuola. Il sistema “Sportello Help On-Line” è già attivo da alcuni giorni; la fase sperimentale è riuscita benissimo e docenti e alunni sono pronti ad interagire. Da un lato ci sono gli studenti che da casa, con un normale pc, una connessione ad internet (meglio se Adsl) ed una webcam, possono collegarsi attraverso il sistema MSN Messenger nelle ore prestabilite e chiedere in tempo reale, ma a distanza, al proprio docente di italiano, di matematica o di inglese, ogni genere di informazione, chiarimento e approfondimento. Dall’altro, ci sono i docenti che, secondo un proprio calendario e orario di disponibilità, offrono agli alunni le spiegazioni ed i chiarimenti richiesti. Anche i docenti possono “lavorare” da casa, se dotati di computer e linea Adsl, altrimenti possono utilizzare le postazioni sempre attive presso la scuola che è sempre aperta, anche per via delle lezioni agli studenti-lavoratori che frequentano il corso serale “Sirio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!