Anci discute sulla Finanziaria

Le richieste dei Comuni pugliesi al governo

In un convegno che si è tenuto ieri all’Hotel Excelsior di Bari, i Comuni pugliesi hanno discusso proposte e richieste da avanzare al governo centrale in tema di Finanziaria

Si è svolta ieri, presso l’Hotel Excelsior di Bari, l’Assemblea regionale dell’ANCI Puglia sul tema della Legge Finanziaria 2007. Erano presenti quali relatori, Michele La macchia, presidente di ANCI Puglia, Francesco Ventola, vicepresidente, e Antonangelo Casula, sottosegretario al Ministero dell’economia e finanze. Lamacchia, che ha aperto il convegno, ha espresso al Governo le richieste dei comuni pugliesi: riduzione dei tagli, eliminazione del blocco per gli investimenti, e abolizione delle sanzioni per i comuni che non hanno rispettato il patto di stabilità nel 2006. “L’eliminazione del blocco degli investimenti – ha detto Lamacchia – vale in particolare per la Puglia, altrimenti rischiamo di non poter utilizzare i fondi europei 2007-13. Vogliamo inoltre l'abolizione delle sanzioni relative al patto di stabilità, perché in caso contrario molti Comuni chiuderanno. Infine – ha concluso Lamacchia – chiediamo lo stralcio di tutte le norme in materia ordinamentale, è opportuno che siano fatte con legge ordinaria previo confronto con le associazioni degli enti locali”. Casula ha confermato che la manovra finanziaria sarà meno pesante per i comuni. “L'incontro tra Governo ed enti locali del 10 ottobre scorso – ha detto Casula – ha proposto alcuni temi di correzione della manovra che siamo impegnati a tradurre in norme. E’ previsto un alleggerimento della manovra che da 2.878 milioni di euro passa a 1.700 milioni circa. Si riduce di 1.100 milioni con due interventi distinti, uno riferito all'allargamento della base imponibile dell'Irpef in base al quale si recuperano 500 milioni, e l'altro all'aggiornamento del catasto terreni e all'Ici per alcuni immobili che può produrre maggiori entrate per 600 milioni. Inoltre – ha detto Casula – è stata recepita positivamente la richiesta di anticipare al 2007 la compartecipazione dinamica ai trasferimenti IRPEF. Infine è prevista l’istituzione di un fondo di 260 milioni di euro a sostegno dei piccoli Comuni”. Il sottosegretario al Ministero dell’economia e finanze ha poi ricordato che altri punti di discussione in atto riguardano lo stralcio delle norme relative all'ordinamento da finanziaria, le questioni sull'ordine e la sicurezza delle città e il trasporto pubblico locale (circa 101 milioni di euro finanziati nel triennio).

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!