Dall’Emilia e dal Friuli per le terme salentine

Il primo passo del “Progetto benessere”

Obiettivo destagionalizzazione. 60 anziani provenienti dall’Emilia Romagna e dal Friuli Venezia Giulia hanno incontrato, ieri, i pensionati salentini. Alle terme di Santa Cesarea

Entra nel vivo l’attuazione del Protocollo d’intesa per la promozione del turismo termale nel Salento, sottoscritta nel marzo scorso da Provincia di Lecce, Terme di Santa Cesarea, Confederazione Italiana Agricoltori e Camera di Commercio Nel pomeriggio di ieri, 60 pensionati della C.I.A. dell’Emilia Romagna e del Friuli Venezia Giulia, hanno incotrato i pensionati della C.I.A. di Lecce a Santa Cesarea presso l’Albergo Palazzo. “L’arrivo di questo nutrito gruppo di pensionati provenienti dall’Emilia e dal Friuli – ha dichiarato Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale al Turismo e Marketing Territoriale – è stato il primo atto dell’attuazione di questo protocollo. Infatti, attraverso politiche mirate, con l’attivazione di giuste sinergie il termalismo, può divenire un fattore di sviluppo in grado di destagionalizzare i flussi turistici. Come Provincia – ha continuato Manieri – intendiamo promuovere una serie di attività terapeutiche, indipendenti dalla periodicità del termalismo tradizionale, a favore degli associati e dei pensionati della Confederazione Italiana Pensionati, per dare loro l’opportunità di fruizione del territorio salentino nei suoi molteplici aspetti: culturale, paesaggistico, enogastronomico”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!