Dall’Emilia e dal Friuli per le terme salentine

Il primo passo del “Progetto benessere”

Obiettivo destagionalizzazione. 60 anziani provenienti dall’Emilia Romagna e dal Friuli Venezia Giulia hanno incontrato, ieri, i pensionati salentini. Alle terme di Santa Cesarea

Entra nel vivo l’attuazione del Protocollo d’intesa per la promozione del turismo termale nel Salento, sottoscritta nel marzo scorso da Provincia di Lecce, Terme di Santa Cesarea, Confederazione Italiana Agricoltori e Camera di Commercio Nel pomeriggio di ieri, 60 pensionati della C.I.A. dell’Emilia Romagna e del Friuli Venezia Giulia, hanno incotrato i pensionati della C.I.A. di Lecce a Santa Cesarea presso l’Albergo Palazzo. “L’arrivo di questo nutrito gruppo di pensionati provenienti dall’Emilia e dal Friuli – ha dichiarato Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale al Turismo e Marketing Territoriale – è stato il primo atto dell’attuazione di questo protocollo. Infatti, attraverso politiche mirate, con l’attivazione di giuste sinergie il termalismo, può divenire un fattore di sviluppo in grado di destagionalizzare i flussi turistici. Come Provincia – ha continuato Manieri – intendiamo promuovere una serie di attività terapeutiche, indipendenti dalla periodicità del termalismo tradizionale, a favore degli associati e dei pensionati della Confederazione Italiana Pensionati, per dare loro l’opportunità di fruizione del territorio salentino nei suoi molteplici aspetti: culturale, paesaggistico, enogastronomico”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!