Libertà di movimento

Nuovi corsi di studio ad ingegneria ed architettura per dare la possibilità di ai disabili di vivere senza barriere

Carlo Madaro, assessore al Mediterraneo e responsabile dello sportello dei diritti, propone di istituire corsi di studio obbligatori nelle facoltà di architettura ed ingegneria per l’eliminazione delle barriere architettoniche

Lo “Sportello dei Diritti” della Provincia di Lecce la cui delega è stata assegnata all’Assessore Carlo Madaro, nella sua attività finalizzata al miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini ed in particolare delle fasce più deboli della popolazione, interviene ancora una volta in favore dei disabili, penalizzati nelle mansioni quotidiane dalle cosiddette “barriere architettoniche” sia in ambito dell’edilizia civile che in quella pubblica. Sono ormai decenni che si continua a parlare della necessità dell’abbattimento di questi ostacoli che rendono la vita quotidiana dei soggetti affetti da disabilità ancora più difficile e nonostante le normative che si sono susseguite, purtroppo si assiste nel settore dell’edilizia ad una grave e generalizzata carenza di sensibilità nei confronti di questo problema, seppur in verità si siano fatti grandi sforzi in materia. In Italia, infatti, si continua a costruire edifici anche pubblici che non tengono conto della disabilità oggettiva. Per questo motivo lo Sportello propone l’istituzione in tutte le facoltà di ingegneria ed architettura di corsi di studio obbligatori, per l’eliminazione delle barriere alla libertà di movimento di tutti i cittadini nonché corsi di aggiornamento obbligatori, per i progettisti liberi professionisti e per i tecnici dipendenti pubblici.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!