Brindisi. Tutti insieme per la pace

La Base Logistica delle Nazioni Unite (UNLB) in collaborazione con il Comune di Brindisi festeggiano il 61° Anniversario della nascita dell’ONU

Due giornate dedicate a conoscere e far conoscere le attività di peace-keeping. Questo l’obiettivo degli eventi organizzati dalla Base Logistica delle Nazioni Unite in collaborazione con il Comune di Brindisi per venerdì 20 e domenica 22 ottobre

La base logistica delle Nazioni Unite, in collaborazione con il commune di Brindisi festeggerà il 61° anniversario della fondazione dell’ONU. Prevista, per l’occasione, la conferenza dal titolo “We, the peacekeepers”, ovvero il primo incontro a Brindisi dei componenti di Peacekeeping, che si terrà Venerdì 20 ottobre alle ore 17 presso il Palazzo di Città di Brindisi, che riunisce intorno al tema del Peace-keeping rappresentanti del mondo accademico, politico ed istituzionale. Parteciperà inoltre Bajwa, direttore del Change Management del DPKO del Quartier Generale delle Nazioni Unite di New York, ospite d'onore della Base Logistica delle Nazioni Unite di Brindisi. Domenica 22 ottobre, dalle ore 10 alle ore 22 la UNLB, grazie al generoso contributo dell’amministrazione comunale, festeggerà la Giornata Mondiale delle Nazioni Unite nel centro di Brindisi in Piazza Vittoria e Corso Garibaldi, offrendo così l’opportunità alla cittadinanza di conoscere le attività di supporto alle operazioni di peacekeeping svolte dalla Base Logistica. La presenza inoltre degli stand dei Carabinieri e della Forza da Sbarco della Marina Militare italiana, in prima linea nelle operazioni di Peacekeeping, serve a sottolineare l’importantissimo ruolo dell’Italia nello scenario internazionale in questo particolare momento storico in cui l’anello di congiunzione è rappresentato dally spirito che unisce le varie componenti del peacekeeping a lavorare insieme per il successo delle operazioni di pace.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!