Poli: “priorità alle abitazioni”

La precisazione del sindaco Poli Bortone sull’utilizzo dei fondi destinati allo Iacp di Lecce

Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, scrive ad Umberto Guidato, commissario dello Iacp, per chiarire la destinazione dei fondi stanziati . “Priorità assoluta alla manutenzione delle abitazioni, sino ad oggi, lasciate all’incuria”

400 mila euro destinati allo Iacp di Lecce per il recupero di Galleria Mazzini, il sindaco Adriana Poli Bortone ha scritto nuovamente ad Umberto Guidato, Commissario, per chiarire gli esatti termini della questione. “E’ evidente – chiarisce il primo cittadino del capoluogo salentino – che il tutto è nato dalla fuorviante notizia con la quale Rotundo, candidato sindaco per l’Unione, ha annunciato di aver procurato il finanziamento allo Iacp senza specificare le finalità. Mi par di comprendere – continua Adriana Poli Bortone – che si tratti di finanziamenti già richiesti alla Regione dal suo predecessore Vincenzo Gigli, finanziamenti che hanno seguito un lento iter e che oggi finalmente sono stati stanziati a Lecce e in tutte le città della Puglia per il ripristino delle abitazioni. Di fronte a ciò – puntualizza con forza Adriana Poli Bortone – pare ovvio che per un Sindaco siano prioritari gli interventi di manutenzione sostanziale delle abitazioni, che per tanti anni sono state abbandonate al degrado, in assenza, appunto, di finanziamenti. Ben venga, dunque, un intervento immediato dovuto a chi, con cura e attenzione, ha chiesto il finanziamento e non certo, mi auguro, a pressioni politiche o, peggio, di parte, che a hanno a che vedere con le esigenze reali della gente. Se dopo gli interventi urgenti e necessari – conclude il coordinatore regionale di An – dovessero esservi dei piccoli ribassi d’asta mi consentirà di concludere eventualmente anche un intervento presso Galleria Mazzini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!