Agro.Ge.Pa.Ciok. Il bilancio della Provincia

Apprezzamento degli operatori per la partecipazione dell’ente provinciale

150 marchi nazionali in esposizione; 16mila visitatori. Si è chiuso ieri il Salone della Gelateria Pasticceria Cioccolateria e dell’Artigianato Agroalimentare che si è tenuto a Galatina. E il resoconto è tutto positivo

Ha riscosso unanimi consensi tra gli operatori (pasticceri, baristi, ristoratori) la partecipazione della Provincia di Lecce ad Agro.Ge.Pa.Ciok, Salone della Gelateria Pasticceria Cioccolateria e dell’Artigianato Agroalimentare, organizzato da Fiera Salento nel quartiere fieristico di Galatina, e giunto a conclusione ieri. Molto apprezzata è stata, infatti, l’attenzione istituzionale rivolta al settore alimentare, e dolciario in particolare. Lo stand espositivo della Provincia è stato visitato da centinaia di persone che hanno raccolto informazioni di vario genere sulla attività e la progettualità dell’Ente e sugli interventi compiuti per determinare lo sviluppo economico del territorio. Gradite ai visitatori sono state le iniziative di comunicazione ed informazione intraprese dalla Provincia per ridurre le distanze tra l’istituzione ed i cittadini e per permettere, di conseguenza, a questi di interessarsi alla vita amministrativa dell’ente. Grande interesse hanno destato anche i progetti provinciali nei settori ambientali, turistici, culturali, delle attività produttive, delle politiche sociali, dello sport, delle pari opportunità, delle politiche europee.

[Il salone di Galatina rappresenta, ormai, un appuntamento di livello nazionale nel settore dell’agro-alimentare in quanto propone in rassegna tutte le novità in fatto di materie prime, prodotti di base del settore, impianti, attrezzature, arredamento e servizi. Alla sua prima edizione, Agro.Ge. Pa. Ciok ha registrato la partecipazione di 150 marchi nazionali. L’attività fieristica è stata contraddistinta da workshop, convegni, incontri formativi. Il successo dell’iniziativa è confermato dal numero dei visitatori, circa 16mila in quattro giorni.]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!