Arrivano le sentinelle in città

Un controllo continuo dell’inquinamento

Saranno installate in 12 Comuni del basso Salento le centraline per il monitoraggio dell’inquinamento elettromagnetico. A Casarano ci sono già e i risultati sono costantemente controllabili via internet

Sergio Abruzzese, assessore all’Ambiente, le chiama “le nostre sentinelle”. Sono le centraline per il monitoraggio dell’inquinamento elettromagnetico che, grazie ad un progetto della società consortile “Area Sistema di Casarano e Comuni Associati”, verranno installate in 12 Comuni e precisamente ad Acquarica del Capo, Alessano, Alezio, Morciano di Leuca, Parabita, Presicce, Ruffano, Sannicola, Supersano, Taurisano, Ugento e Casarano. A Casarano sono state già installate e collaudate, tanto che gli assessori hanno mostrato le prime rilevazioni delle centraline di via Cavour e di via Napoli nell’arco di un mese (esposizione massima, rispettivamente, di 1,6 e di 1,3 V/m). Il progetto, elaborato e attuato dalle società “Tek-up spa” e “Habitat srl”, prevede 16 centraline, quasi tutte posizionate nelle vicinanze delle antenne e possibilmente presso obiettivi sensibili. Questi i siti individuati: Casa di cura “Euroitalia”; Palazzetto dello sport del quartiere di “Pietra Bianca”; Mercato coperto di contrada “Botte”; Istituto Industriale in viale Ferrari; Istituto Professionale di via Napoli; Parrocchia del S. Cuore di Gesù; abitazione privata in contrada “Stesa”; Istituto Comprensivo “Lidia Morgante” di via IV Novembre; Scuola materna comunale “S. Giovanni Elemosiniere” di via Cavour; Asilo nido di via Agnesi; Istituto Comprensivo Polo 3 di piazza S. Domenico; “Fondazione Filograna” in viale De Matteis; Tribunale in viale Stazione; Liceo Scientifico di via Reno; Istituto Comprensivo Polo 1 di via Ruffano; abitazione privata in via Duca d’Aosta. Da martedì prossimo i cittadini potranno consultare, “direttamente da casa e 24 ore su 24”, i dati rilevati costantemente dalle 16 centraline. Basterà collegarsi al sito www.comune.casarano.le.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!