Miggiano si espone

Ritorna la fiera regionale Expo 2000. Più grande che mai

Si parte giovedì. E poi seguiranno quattro giorni di festa, oltre che di mostra di prodotti agricoli ed artigianali. Miggiano la sua fiera la vuole così: tanta gente e buona musica fino a notte fonda

E Miggiano ritorna a parlare di Expo. Sarà infatti inaugurata giovedì 12 ottobre, alla presenza di Sandro Frisullo, vicepresidente della Regione Puglia, la Fiera Regionale “Expo 2000: industria artigianato agricoltura del salento”. Che per questa edizione si arricchisce di novità. Quest’anno la fiera vedrà, infatti, per la prima volta la collaborazione di Padovafiere s.p.a., si svolgerà su un’area espositiva totale di circa 40mila metri quadrati e sarà suddivisa in tre settori: il primo con una tensostruttura pre-allestita di circa 2mila metri quadrati; il secondo, che si avvarrà di una struttura permanente, la cui estensione complessiva sarà di circa 7.800 metri quadrati, dei quali 2.350 coperti; l’ultimo settore, “aree libere”, che potrà contare su un area espositiva di circa 20mila metri quadrati. Con lo slogan “Miggiano è fiera di avervi in Fiera” la città salentina darà la possibilità al pubblico di visitare, a titolo assolutamente gratuito, gli stand delle oltre 200 aziende presenti, da giovedì 12 ottobre a domenica 15 ottobre. “Particolare attenzione – spiegano gli organizzatori – sarà data al settore agricolo, in quanto il periodo di svolgimento dell’evento fieristico precede la raccolta delle olive; molti imprenditori e commercianti proporranno dunque le ultime novità tecnologiche orientate ad agevolare il lavoro degli agricoltori”. Ma ad Expo 2000 avranno spazio anche i settori artigianali e dell'agricoltura, che spesso non riescono ad avere la meritata attenzione in eventi fieristici di grande portata. Inoltre, a partire dalla serata di venerdì 13 ottobre, nell’area fieristica, sarà possibile assistere a spettacoli musicali e appuntamenti di vario tipo che si concluderanno la sera di domenica 15 ottobre con il concerto di Tullio De Piscopo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!