Mariano: “Questa Finanziaria preoccupa”

L’allarme dell’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Lecce

Secondo Francesca Mariano, assessore al Comune di Lecce, la legge finanziaria varata dal Governo Prodi compromette i servizi per le fasce più deboli della popolazione

“Siamo seriamente preoccupati per gli effetti di questa Finanziaria”. Francesca Mariano, assessore del Comune di Lecce con delega all’Assistenza e Servizi agli Anziani, alle Problematiche Giovanili, ai Diversamente Abili, agli Immigrati e ai Minori esprime forti perplessità sui risvolti per i Comuni della Finanziaria varata dal Governo. “I tagli agli enti locali – chiarisce – mettono in discussione qualsiasi ipotesi di programmazione nella erogazione dei servizi per noi amministratori comunali. In sintesi, anziani, minori e giovani in genere, diversamente abili, immigrati pagheranno per primi le conseguenze delle scelte del Governo. Eppure, il centrosinistra plaude ad una manovra che tutelerebbe le famiglie e i più deboli. In realtà nell’articolo 74 tra le spese escluse dal conteggio del saldo finanziario spariscono le spese sociali che, per la prima volta, erano state considerate dal governo Berlusconi nell’ultima (e tanto contestata) manovra finanziaria. Il risultato – sottolinea Mariano – è che se le amministrazioni comunali vorranno effettuare interventi per i portatori di handicap, oppure per i minori, gli anziani, le donne o gli immigrati, dovranno fare i conti anche con il rispetto degli stringenti vincoli imposti dal Governo Prodi, con il rischio di dover fare delle scelte impopolari e decidere quali servizi limitare al fine di poterne garantire degli altri. A Lecce si persegue da anni una politica attenta di contenimento del carico fiscale. Basti pensare all’Ici. Non sarà certo questa assurda Finanziaria – conclude – a farci fare una inversione di rotta”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!