L’antenna dove la metto

Niente ripetitori vicino alle scuole

Il Comune di Casarano ha deciso di installare due nuovi impianti per la telefonia mobile in prossimità di istituti scolatici. I genitori degli studenti protestano

Nuova ondata di proteste per la decisione dell’amministrazione comunale di autorizzare l’installazione di due nuovi impianti per la telefonia mobile in prossimità di siti scolastici, luoghi considerati “recettori sensibili” dal recente regolamento emanato dalla Regione Puglia. Sono particolarmente preoccupati i genitori dei bambini che frequentano la scuola materna comunale di via Cavour, l’Istituto Comprensivo Polo 3 di piazza San Domenico, la scuola materna ed elementare del Polo 2 di via Messina. La segreteria cittadina dell’Udc, partito dell’opposizione consiliare, ha cominciato una raccolta di firme tra i cittadini per chiedere all’amministrazione comunale un Piano di Localizzazione degli impianti. I plessi scolastici interessati si trovano a poche decine di metri dal Municipio e dallo stadio comunale “G. Capozza”, luoghi in cui saranno sistemate le due antenne per la telefonia mobile. L’immobile che ospita le scuole del Polo 2 si trova sull’altro lato della strada dello stadio; la scuola materna di via Cavour si trova addirittura nello stesso edificio del Municipio. E’ naturale che i genitori siano preoccupati. L’impianto di Palazzo dei Domenicani, tra l’altro, è già in avanzato stato di esecuzione. Ieri mattina, infatti, una squadra di operai era al lavoro per la realizzazione del traliccio che sosterrà il ripetitore della società “H3G”. La segreteria cittadina dell’Udc, intanto, sta sensibilizzando l’opinione pubblica sul problema ed ha organizzato una petizione per sensibilizzare l’amministrazione comunale a dotarsi di un Piano di Localizzazione degli impianti, come prevedono le leggi regionali. “I cittadini sono molto sensibili a questo tema – osserva Francesco Ferrari (Udc) – negli ultimi giorni molte mamme ci hanno manifestato la loro preoccupazione per la vicinanza di questi nuovi impianti alle scuole. Vedremo cosa si può fare – conclude il consigliere comunale – sicuramente ne parleremo nel prossimo Consiglio Comunale”. La coordinatrice cittadina di Forza Italia, Francesca Fersino, ricorda al sindaco, Remigio Venuti, che durante un incontro pubblico del febbraio scorso “promise che il Comune si sarebbe dotato presto di un Piano di Localizzazione” e osserva che “il regolamento n. 7 del giugno scorso viene specificato chiaramente che questi impianti non devono essere ubicati in zone vicine a scuole e luoghi di cura. Mi meraviglio – conclude la Fersino – che un’amministrazione civica prenda simili decisioni senza prendere in considerazione leggi, regolamenti e smarrendo perfino il buonsenso”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!