Una laurea per tecnici della riabilitazione psichiatrica

Il primo passo per una facoltà di Medicina nel Salento

E’ stato attivato presso la Ausl Lecce 1 il corso di laurea triennale in Tecnica della riabilitazione psichiatrica

In collaborazione con la facoltà di medicina dell’Università degli Studi di Bari, è stato attivato, presso l’Azienda unità sanitaria locale Lecce 1 il corso di laurea triennale, con lezioni teoriche e tirocini formativi, in Tecnica della riabilitazione psichiatrica, abilitante alla professione sanitaria di tecnico della riabilitazione psichiatrica. L’attivazione del corso di laurea in Tecnica della riabilitazione psichiatrica presso l’Ausl Lecce 1 è un modello di possibile collaborazione con il sistema universitario pugliese per attuare l’obiettivo, perseguito dall’Università degli Studi di Lecce ed auspicato dalla Direzione generale di Ausl Lecce 1, di creare, nel Salento, una facoltà di Medicina, che risponda alle nuove sfide dello sviluppo delle tecnologie assistenziali a tutela della salute. Per le attività didattiche l’Ausl Lecce 1 ha messo a disposizione della Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Bari il Polo didattico-formativo, con tre sale conferenze attrezzate ed informatizzate per attività congressuale e didattica; varie aule per attività in piccoli gruppi; aule per la formazione con supporti informatici personalizzati; una biblioteca con annessa sezione multimediale, attrezzata anche per soggetti diversamente abili; le strutture della direzione del dipartimento di Salute mentale per supporto amministrativo alle attività didattiche; le strutture ospedaliere di Galatina e Campi Salentina; strutture distrettuali come i centri di salute mentale, con equipes multidisciplinari; il centro specializzato per la psichiatria e psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza; il centro specializzato per lo studio, la ricerca ed il trattamento dei disturbi del comportamento alimentare; e il servizio dipartimentale per il monitoraggio della riabilitazione psicosociale, che si occupa di inserire nel mondo del lavoro i pazienti con disturbi psichiatrici, di promuovere e attivare progetti riabilitativi in collaborazione con enti ed istituzioni del territorio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!