Taviano, a Castellana sconfitta al fotofinish

Un derby fino all’ultimo punto per il team di Masciarelli

È stato il tie-break, lo scorso 8 ottobre, a sancire la vittoria in casa del Castellana Grotte nel campionato di serie A2 Tim contro un Taviano determinato a dare il meglio di sé nel suo primo incontro stagionale, guidato da un implacabile Ereu

Nel match-maratona Castellana-Taviano, davanti ad un pubblico delle grandi occasioni con una nutrita presenza di tifosi salentini, prevalgono i padroni di casa che hanno avuto la meglio proprio sul filo di lana di un inflessibile Taviano, ben determinato a figurare nel suo primo derby stagionale. Nella formazione salentina ottima la prestazione del team di Masciarelli, dove a spiccare per freddezza nei momenti clou della partita è stato il venezuelano Thomas Ereu, uno dei più in palla della gara, autore con 27 punti del più alto score personale tra i protagonisti scesi in campo. Avvio strepitoso per il Taviano, che ha concluso ai vantaggi un interminabile primo set. Poi, il risultato si è ribaltato all'improvviso, con il secondo e terzo parziale vinti dai baresi in rimonta. È stato in questi due set che Masciarelli ha sostituito nel ruolo di opposto Zanette al tedesco Liefke. Stimolati dal solito Ereu e dalla grande vena di Belardi e De Giorgi, i salentini hanno saputo recuperare prontamente al passo falso dei due parziali persi in precedenza, rendendo necessaria la disputa della lotteria del tie-break. Qui Castellana ha guadagnato subito un break importante, passando sul 4-1, poi si è fatto rimontare dalla Salento d'amare al limite del cambio campo. L'equilibrio si è così protratto per la restante frazione del parziale, fino al guizzo finale dei padroni di casa che ai vantaggi hanno raggiunto il 16-14, ovvero la loro prima vittoria interna. Per Taviano un punto che fa morale, in vista della prossima gara, la seconda consecutiva lontano da casa, in programma domenica 15 ottobre a Crema.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!