Scienze sociali: si parte, in bus

Presto saranno attivate le corse giornaliere di andata e ritorno che consentiranno agli studenti residenti a Lecce ed in provincia di raggiungere agevolmente la sede della Cittadella della Ricerca di Brindisi

Gli studenti di Scienze Sociali, Politiche e del Territorio potranno usufruire del servizio bus, garantito dalla convenzione tra l’Università di Lecce e gli enti locali della Provincia e del Comune di Brindisi

Il servizio bus, attivo a partire da lunedì 23 ottobre giorno in cui presso la nuova struttura della Cittadella della Ricerca avranno avvio le lezioni dei primi anni dei corsi attivati: Scienze Politiche per l’area mediterranea, Sociologia e Servizio Sociale, è nato con l’intenzione di facilitare ed invogliare gli studenti a frequentare i corsi di laurea istituiti presso la sede di Brindisi. Gli orari e le fermate delle corse e gli orari delle lezioni e dei ricevimenti dei docenti sono a disposizione degli studenti nel sito internet della facoltà: www.scienzesocialiepolitiche.unile.it. Per garantire l’informazione dettagliata sull’offerta formativa della nuova facoltà i presidenti dei corsi di laurea saranno a disposizione degli studenti presso la sede della Cittadella della Ricerca. Mariano Longo (presidente del corso di laurea in Sociologia) riceverà gli studenti il martedì dalle ore 10.00 alle ore 13.00; Stefano De Rubertis (presidente del corso di laurea in Scienze Politiche per l’area mediterranea) riceverà gli studenti il martedì dalle ore 10.00 alle ore 13.00; Luigi Spedicato (presidente del corso di laurea in Servizio Sociale) riceverà gli studenti il venerdì dalle ore 15.30 alle ore 18.30. Un ulteriore sportello di informazione, utile anche per le pratiche di iscrizione, è attivo presso la Biblioteca Provinciale di Brindisi (viale Commenda 1, Brindisi) dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30; lo stesso sportello è aperto di pomeriggio il martedì e il giovedì dalle ore 15.30 alle ore 18.00.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!