Un Comitato per Frassanito

Tutti insieme per salvare una delle ultime oasi naturali del Salento

Nell’attesa che Frassanito diventi un parco naturale regionale si costituisce un Comitato per la sua difesa e valorizzazione. Vi aderiscono, in Provincia di Lecce, numerosi Comuni e Sportello dei diritti e Servizi immigrazione Salento

Anche Sportello dei diritti e Servizi immigrazione Salento della Provincia di Lecce aderiscono al “Comitato di difesa dell’oasi rifugio di Frassanito” promosso dal Centro Educativo Scout/Studio Osservazione Natura (C.E.S.O.N.) presieduto da Francesco Panico. Obiettivo del comitato è garantire maggiori tutele e una più ampia visibilità supportata da finalità educative all’area naturale di Frassanito, che rischia di essere irrimediabilmente danneggiata. L’oasi-rifugio è uno degli ultimi luoghi del Salento dove si possano trovare specie vegetali endemiche tra cui la “Erica Manipuliflora”. Riconosciuta con decreto nel 1971, ed inserita dalla Regione nel progetto del “Parco degli Alimini” con la sigla C2 (anche se ancora non realizzata) essa si estende per 30 ettari. La carenza di un parco regionale nel territorio degli Alimini è una delle ragioni che hanno portato a creare il Comitato al fine di proteggere una zona importante dal punto di vista ambientale che nell’intenzione del C.E.S.O.N. sarebbe il centro ideale per realizzare un “Museo fotografico della flora e della fauna salentina”. Il territorio di Frassanito sarebbe, inoltre, secondo il Comitato, un luogo ideale per visite guidate da parte di studenti di tutta Italia che vi vivrebbero la natura in maniera diretta secondo il programma “Educhiamo a vivere l’ambiente”. Nella proposta del centro educativo Scout/Studio Osservazione Natura s’inserisce l’idea di favorire l’integrazione dei piccoli immigrati attraverso la promozione di campi-scuola con il diretto coinvolgimento di giovani concittadini e il sostegno delle associazioni di settore. Il Comitato ha già ricevuto adesioni da parte di numerosi Comuni della Provincia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!